in

Campi Flegrei: in 20 anni riconosciuti e misurati due andamenti sovrapposti del sollevamento del suolo e della sismicità nell’area

ROMA. In 20 anni, tra il 2000 ed il 2020 sono stati riconosciuti e misurati, attraverso i dati acquisiti dal Sistema di Posizionamento Globale (GPS) e dalla rete sismica, due andamenti sovrapposti del sollevamento del suolo e della sismicità nell’area dei Campi Flegrei: un’accelerazione su scala decennale e oscillazioni periodiche.

L’area dei Campi Flegrei

Questi sono i risultati dello studio “Data analysis of the unsteadily accelerating GPS and seismic records at Campi Flegrei caldera from 2000 to 2020”, recentemente pubblicato sulla rivista Scientific Reports di Nature condotto da un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), della Scuola Normale Superiore di Pisa e delle Università di Buffalo, Tufts e Penn State (USA).

La caldera dei Campi Flegrei è interessata, fin dagli anni ‘50, da significativi movimenti del suolo, fra cui il lento sollevamento tuttora in corso da quasi 20 anni.

Questo fenomeno è chiamato bradisismo ed è caratterizzato da una sequenza di episodi di deformazione accompagnati da incrementi nell’attività sismica.

L’obiettivo dello studio è stato quello di comprendere la rapidità del fenomeno bradisismico e la sua possibile evoluzione.

 

Uno schema riprodotto nella ricerca

Inoltre, gli scienziati hanno indagato la presenza di fenomeni di periodicità negli episodi di deformazione del suolo e della sismicità più intensa.

A tal fine i ricercatori hanno analizzato matematicamente la velocità e l’accelerazione del sollevamento del suolo della caldera, il numero degli eventi sismici e la loro energia cumulativa anche comparando i dati registrati nel periodo 1983-2000 con quelli registrati nel periodo 2000-2020.

Questa analisi ha permesso il riconoscimento di due andamenti temporali sovrapposti: una accelerazione su scala decennale e oscillazioni ricorrenti di varia frequenza.

“Le nostre analisi – spiega Flora Giudicepietro, ricercatrice dell’Osservatorio Vesuviano dell’INGV e coautrice dello studio – mostrano un aumento della velocità del sollevamento del suolo e un aumento della frequenza di accadimento dei terremoti a partire dal 2005″.

La sede dell’Osservatorio Vesuviano

“Il 90-97% del loro incremento – si legge ancora nel rapporto –  è stato registrato dopo il 2011 e il 40-80% dopo il 2018. Il sollevamento del suolo sta tuttora proseguendo e nel mese di ottobre 2022 presso la stazione del Rione Terra di Pozzuoli lo spostamento verticale rispetto ai valori registrati nel 2005 ha raggiunto circa 100 centrimetri, così come riportato nei Bollettini periodicamente emessi dall’Osservatorio Vesuviano”.

Un ulteriore risultato dello studio ha riguardato i tempi di ricorrenza delle oscillazioni periodiche dei segnali.

“Le velocità registrate presentano oscillazioni coerenti fra i segnali di sollevamento e il numero degli eventi sismica – spiega Andrea Bevilacqua, ricercatore della Sezione di Pisa dell’INGV e primo autore dello
studio -. Abbiamo osservato sette principali picchi di oscillazione a partire dal 2000, uno ogni 2,8-3,5 anni circa, con oscillazioni secondarie circa a metà di questi intervalli. Dai segnali si è individuato anche un ciclo di periodo più lungo, pari a 6,5-9 anni”.

“Per poter stimare le proprietà dell’accelerazione su scala decennale, abbiamo applicato un modello rappresentativo della dinamica che conduce alla rottura nei materiali elastici fragili sottoposti a uno sforzo
costante- continua Andrea Bevilacqua -. Questo ci ha permesso di calcolare dei tempi limite teorici per questa accelerazione, potenzialmente rappresentativi di uno stato critico del sistema, nell’ordine di 10 o 20
anni a seconda che si considerino rispettivamente i dati dell’attività sismica o quelli di deformazione del suolo. È importante sottolineare che il modello è valido nell’ipotesi che gli andamenti osservati negli ultimi
due decenni proseguano in futuro nello stesso modo”.

“La stima dell’accelerazione decennale registrata dal 2005 – conclude Augusto Neri, ricercatore dell’INGV e coautore dello studio – è un aspetto particolarmente rilevante emerso dall’analisi. È bene chiarire che i limiti temporali stimati non corrispondono a probabilità assolute dell’accadimento di eventi eruttivi a causa della natura semplificata del modello adottato e, soprattutto, perché l’accelerazione decennale finora osservata nei dati potrebbe modificarsi nel futuro, sia rallentando che accelerando maggiormente. I risultati dello studio rappresentano comunque un ulteriore stimolo a mantenere alta la guardia sull’evoluzione futura della caldera Flegrea”.

Citazione dello studio:

Bevilacqua, A., De Martino, P., Giudicepietro, F., Ricciolino, P., Patra, A., Pitman, E. B., Bursik, M., Voight, B., Flandoli, F., Macedonio, G., & Neri, A. (2022). Data analysis of the unsteadily accelerating GPS and seismic records at Campi Flegrei caldera from 2000 to 2020. Scientific reports, 12(1), 1-24, doi: 10.1038/s41598-022-23628-5.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Campi Flegrei: in 20 anni riconosciuti e misurati due andamenti sovrapposti del sollevamento del suolo e della sismicità nell’area proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Aeronautica Militare: recuperata la salma del pilota dell’Eurofighter precipitato

Segredifesa: il vice ministro e National Armaments Director ucraino, Volodymyr Havrylov in visita al Generale di Corpo d’Armata Luciano Portolano. Per Kiev l’Italia è un importante partner e punto di riferimento in Europa