in

Leonardo al salone MSPO: il partner europeo multi-dominio per la difesa della Polonia

ROMA. Leonardo partecipa a MSPO, la rassegna internazionale dell’industria della difesa che si tiene a Kielce, in Polonia, dal oggi al 9 settembre 2022. Durante i quattro giorni di esposizione Leonardo presenterà le sue soluzioni più innovative nei settori dell’aeronautica, degli elicotteri, dei sistemi a pilotaggio remoto e dell’elettronica per la difesa.

Con una presenza ormai trentennale in Polonia, oggi uno dei suoi quattro mercati domestici, Leonardo è partner strategico del Ministero della Difesa del paese e ha investito in modo significativo nell’industria nazionale, in particolare attraverso PZL-Świdnik, la recente creazione di Leonardo Poland e l’attivazione di partnership con aziende locali. Leonardo intende a rafforzare ulteriormente il proprio sostegno al paese, con l’obiettivo di fornire a clienti militari e civili prodotti e soluzioni allo stato dell’arte, generando al contempo valore aggiunto per l’economia polacca.

Leonardo presenterà quest’anno a MSPO innovazioni tecnologiche e di prodotto legate al settore aeronautico, con un particolare focus sul programma Eurofighter, sull’elicottero multiruolo AW149 recentemente scelto dal Ministero della Difesa polacco, sui sistemi a pilotaggio remoto del programma “Gryf” polacco, sulle munizioni Vulcano e su altre soluzioni rivolte a diverse tipologie di requisito.
I visitatori del salone MSPO avranno modo di ammirare in area statica un elicottero AW149, scelto anche dalla Polonia per equipaggiare le proprie Forze Armate.

Gli AW149 per la Polonia saranno prodotti presso gli stabilimenti locali di Leonardo, PZL-Świdnik, con 32 aeromobili previsti in consegna tra il 2023 e il 2029. In questo quadro Leonardo si impegnerà con ulteriori investimenti a beneficio della sua controllata polacca, che andranno ad aggiungersi al miliardo di euro circa già investito dal 2010, a sancire un ragguardevole sviluppo della competitività e delle capacità industriali di PZL-Świdnik.

Per l’industria aerospaziale e della difesa polacca si tratta di un contributo di assoluto rilievo a sostegno della produzione nazionale, con la creazione di un centro logistico e lo sviluppo di un modello di supporto tecnico a 360° per gli AW149 del Ministero della Difesa della Polonia, in linea con l’impegno di Leonardo e di PZL-Świdnik a concorrere allo sviluppo industriale e tecnologico del paese.

AW149 – ©Polish MoD

AW 149

I nuovi elicotteri saranno impiegati in missioni di trasporto truppe e supporto aereo e potranno svolgere anche compiti di evacuazione medica, ricerca e soccorso nelle operazioni di combattimento, nonché il trasporto di materiali. La configurazione della piattaforma, pienamente in linea con i requisiti delle forze armate polacche, prevede anche sistemi di osservazione, armamento leggero, razzi guidati/non guidati e missili, sistemi di auto-protezione.

PZL-Świdnik è, inoltre, pronta a lavorare per il possibile ammodernamento della flotta di elicotteri W-3, dell’esercito polacco, originariamente progettati e prodotti presso gli stabilimenti di PZL-Świdnik. L’azienda, che può vantare di aver fornito l’80% delle flotte elicotteristiche operate dall’esercito polacco nell’arco della sua storia, si conferma partner strategico del Ministero della Difesa.

Nel settore aeronautico, a MSPO riflettori puntati sull’Eurofighter Typhoon è il più efficace e performante caccia da superiorità aerea oggi disponibile sul mercato anche per i clienti export. Il velivolo, in constante evoluzione, rappresenta la base per lo sviluppo dei caccia di futura generazione. Il suo nuovo radar E-SCAN MK2 – a scansione elettronica – è il più potente ed efficace mai realizzato.

Il LAD (Large Area Display) ed il casco Striker 2 permettono la migliore sintesi dello scenario operativo. Leonardo realizza circa il 36% del valore dell’intero programma con un ruolo chiave nella componente aeronautica ed elettronica. Fornisce infatti oltre il 60% dei sistemi elettronici a bordo del velivolo.
Oltre ai più potenti motori della sua categoria ed alla straordinaria aerodinamica, i sensori del velivolo fanno del Typhoon l’unico caccia di cosiddetta generazione “4.5” capace di evolvere verso i programmi di futura generazione.
Infatti, la combinazione dei nuovi sensori integrati con le più avanzate capacità di calcolo informatico integrate dall’intelligenza artificiale e il concetto di “Digital Stealthness”, che senza compromettere le prestazioni consente al fighter di volare a una velocità doppia rispetto a quella del suono ad una quota di oltre 15mila metri e con i più elevati ratei di salita, collocano il Typhoon al top della Air Dominance.

Eurofighter Typhoon AM

Il nuovissimo aereo militare Eurofighter Typhoon di Leonardo.

La Polonia è invitata a partecipare al programma e ad essere parte di questa straordinaria collaborazione, che continua a sviluppare quella che è la più efficace piattaforma di transizione verso i caccia di prossima generazione.  Una partnership da cui la Polonia può trarre vantaggio in termini di illimitato accesso alle capacità del velivolo, piena sovranità nazionale ed un coinvolgimento qualificato dell’industria domestica sul piano qualitativo e quantitativo.

I vantaggi dell’Eurofighter Typhoon risiedono nella sua eccezionale aerodinamica abbinata a una cellula di dimensioni compatte, oltre alla tecnologia Digital Stealth resa possibile dal radar a scansione elettronica di nuova generazione e dal sistema DASS e alla capacità di armamento grazie alla possibilità di integrare soluzioni USA e UE (quali Meteor, Spear3, Spear EW, Storm Shadow, ecc.).

Nel frattempo, i Typhoon dell’Aeronautica Militare italiana provvederanno alla sicurezza dei cieli della Polonia grazie all’attività di Quick Reaction Alert (QRA) che stanno già svolgendo presso la base aerea polacca di Malbork.

È previsto intanto a breve il completamento delle consegne per la flotta di velivoli per addestramento avanzato M-346 Master (“Bielik” per l’Aeronautica Militare polacca). Agli otto esemplari iniziali ordinati dalla Polonia nel 2014 hanno fatto seguito altri due lotti di riordino, per un totale di 16 velivoli. In ordine di grandezza, questi numeri fanno della Polonia il secondo fra i clienti export del M-346.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Leonardo al salone MSPO: il partner europeo multi-dominio per la difesa della Polonia proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Operatori Giudiziari “precari” del comparto Giustizia in mobilitazione a Roma il 7 ottobre.

Polizia Ferroviaria: oltre un milione di controlli da parte della Polizia di Stato nelle stazioni ferroviarie. Consuntivo estate 2022