in

Polizia di Stato: anche gli eroi possono essere vittime degli haters online. La Polizia di Stato e la Procura della Repubblica incontrano docenti e ragazzi per formarli alla prevenzione

SALERNO. Valerio è un giovane eroe che, dopo aver salvato una bambina dall’annegamento, diventa bersaglio degli haters sui social perché down. La sua storia, che mostra l’anima oscura del web, è l’occasione per parlare ai ragazzi e agli insegnanti dei pericoli di Internet, dei rischi che derivano dalla vita iperconnessa, realtà nella quale si muovono quotidianamente, e delle conseguenze dell’uso leggero o distorto dei potentissimi mezzi di comunicazione che si trovano tra le mani.

Immagini del Docufilm realizzato dalla Polizia di Stato

Il Docufilm “Haters e Piccoli Eroi” prodotto dalla Polizia di Stato sarà lo strumento per aprire la riflessione nella giornata di oggi, quando gli agenti incontreranno nell’Aula Magna della Direzione Didattica Don Milani di Giffoni Valle Piana i docenti e i ragazzi che stanno partecipando a due progetti di formazione promossi dall’ente autonomo Giffoni Experience: “School experience – Alleanze per la scuola”, percorso di formazione dedicato alla comunità educante, e “Sedici modi di dire ciao” per il contrasto alla povertà educativa dei minori. Accanto a loro ci saranno il Procuratore presso la Procura per i Minorenni di Salerno Patrizia Imperato, il Vicario del Questore di Salerno Pasquale Picone, la Dirigente del Compartimento Polizia Postale Campania Maria Rosaria Romano e il Vice Direttore del Servizio Polizia Postale Barbara Strappato.

Il campione di nuoto e protagonista, Valerio Catoia

A dare il benvenuto a tutti gli ospiti dell’incontro ci sarà la Dirigente scolastica della Direzione Didattica Don Milani, Daniela Ruffolo.

Sarà presente anche Valerio Catoia, protagonista del Docufilm, nominato dal Presidente Sergio Mattarella Alfiere della Repubblica per il salvataggio compiuto, che ha risposto agli haters con l’impegno civile per la sensibilizzazione sui rischi della rete diventando testimonial della campagna della Polizia di Stato.

Il giovane campione di nuoto darà testimonianza della sua esperienza con gli odiatori del web, arginati grazie alla denuncia sporta alle autorità, la quale ha portato alla risoluzione del problema.

Immagine del Docufilm realizzato dalla Polizia di Stato per sensibilizzare

Una scelta che molti altri giovani non riescono a compiere, rimanendo intrappolati in drammi che a volte hanno esiti tragici. Parlarne è l’unica soluzione. Parlarne quando se ne è vittime o si è a conoscenza del problema di qualcuno, per tendere una mano in suo aiuto.

Parlarne per fare formazione e sensibilizzare sul tema insegnanti e ragazzi. Accanto a Valerio, gli uomini e le donne che rappresentano le istituzioni alle quali chiedere aiuto, che entrano in contatto diretto e in dialogo con i ragazzi e le insegnanti per mostrare loro che sono lì, vicini, accessibili. Pronti a rispondere a ogni richiesta di informazione o di aiuto.

Agenti della Polizia di Stato impegnati nella lotta contro gli haters sui social

A Giffoni Valle Piana è in corso, dal 21 al 30 luglio 2022, il quarto campus del progetto quadriennale, mirato alla crescita dei ragazzi.

E non solo per loro! Considerata la trasversalità dell’argomento, l’incontro servirà anche a fornire ai docenti gli strumenti adatti per affrontare insieme agli alunni i bulli della rete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Polizia di Stato: anche gli eroi possono essere vittime degli haters online. La Polizia di Stato e la Procura della Repubblica incontrano docenti e ragazzi per formarli alla prevenzione proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Esercito: il Generale di Brigata Mario Ciorra nuovo Comandante della “Garibaldi”

Guardia di Finanza: fermata un’autovettura al casello autostradale e saltano fuori 1.200.000 euro in contanti. Denunciati per ricettazione due coniugi