in

Traffico di hashish, a Cagliari la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato smantellano una rete attiva tra la Sardegna e la Campania

Cagliari. Grande operazione della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza che ha Cagliari hanno smantellato un’organizzazione criminale dedita al traffico di stupefacente, sottraendo alla stessa un grande patrimonio, illecitamente accumulato.

In particolare, la Polizia di Stato, con personale della Squadra Mobile cagliaritana, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in Carcere a carico di 11  indagati di cui 8 residenti nel capoluogo sardo e 3 a Napoli. Tutti sono stati ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di esplosivo.

Operazione antidroga della Gdf e della Polizia di Stato

Le indagini si sono svolte sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Cagliari.

L’indagine è stata avviata nel 2015, con il coordinamento della Direzione Centrale dei Servizi Antidroga, nei confronti di un sodalizio criminale, operante con le modalità tipiche del metodo mafioso, dedito al traffico di droga tra la Campania ed il capoluogo isolano. 

Nel corso delle indagini sono stati acquisiti significativi elementi di colpevolezza a carico di questo gruppo criminale, composto da pregiudicati sardi e campani, coinvolto nel traffico di ingenti quantitativi di droga, in particolare hashish, da destinare allo spaccio su “strada” nella provincia di Cagliari.

Sono state accertate, nel corso di due anni, 30 importazioni di sostanza stupefacente dal napoletano verso l’isola, di circa 300 chili per ogni singola spedizione, per un totale di 10,4 tonnellate di hashish dal napoletano verso la Sardegna.

L’indagine ha consentito di dimostrare che le spedizioni avvenivano attraverso ditte di copertura che simulavano la spedizione di commesse alimentari di varia natura, corredata da falsa documentazione commerciale.

Sono stati eseguiti, a riscontro delle operazioni tecniche effettuate nell’indagine, 3 arresti in flagranza ed il sequestro di circa 1.300 chili di

Per gli inquirenti di particolare spessore è risultato il connotato criminale dell’organizzazione, non solo per la capacità di gestire, anche finanziariamente ingentissime partite di stupefacente ma per la pericolosità espressa dall’uso della violenza, come dimostrato da un atto intimidatorio verificatosi nel febbraio 2016 a Napoli. E’ stata anche accertata la significativa capacità di assistere economicamente i vari componenti del gruppo, arrestati nonché le loro famiglie durante i periodi di detenzione.

I militari della Guardia di Finanza hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, disposto dall’Autorità giudiziaria cagliaritana, su beni mobili – tra cui un conto corrente bancario attivo in Germania – ed immobili, in gran parte localizzati in provincia di Napoli, per un valore complessivo di circa 4 milioni di Euro.

Gli approfondimenti operati dalla Guardia di Finanza, in particolare dagli specialisti del GICO (Gruppo d’Investigazione sulla Criminalità Organizzata) di Cagliari e dello SCICO (Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata) di Roma, sugli illegali arricchimenti da parte dei membri dell’organizzazione, hanno evidenziato una rilevante sproporzione tra la disponibilità dei beni risultati intestati o nella disponibilità dei preposti o dei loro familiari conviventi ed i redditi dichiarati ai fini delle imposte dirette. E’ stato così possibile individuare un rilevante patrimonio del valore di oltre 4 milioni di euro, riferibile a due sardi ed un campano, ritenuti promotori e vertici dell’associazione criminale.

Tra i beni individuati figurano alcune abitazioni situate in provincia di Cagliari e diversi immobili ubicati in Campania.

Mirati accertamenti bancari hanno portato altresì all’individuazione di conti correnti, tra i quali uno acceso in Germania, 26 beni immobili, una società e 5 prodotti finanziari.

Nel corso delle menzionate attività, operate con il supporto di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Sardegna della Polizia di Stato, sono state eseguite anche 30 perquisizioni domiciliari, delegate dalla Procura di Cagliari, di cui 10 in provincia di Cagliari, 18 in quella di Napoli, presso abitazioni e sedi societarie, una in provincia di Caserta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Traffico di hashish, a Cagliari la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato smantellano una rete attiva tra la Sardegna e la Campania proviene da Report Difesa.

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

“Ovunque proteggimi” in prima mondiale nella selezione ufficiale del Torino Film Festival e altre anticipazioni

Afghanistan, missione NATO Resolute Support, il Segretario Generale Stoltenberg incontra i militari italiani