in ,

“I Peccati”: le prime foto della mostra di Johan Creten, esposta a Villa Medici dal 26 marzo 2020

Le opere dell’artista fiammingo saranno in allestimento fino al prossimo giugno

I Peccati mostra

Arrivano le prime foto della mostra I Peccati dello scultore fiammingo Johan Creten che inaugurerà a Villa Medici il prossimo 26 marzo e che rimarrà in allestimento sino al prossimo giugno 2020.

Un insieme di 50 opere in bronzo ceramica e resina che dialogheranno con alcune opere storiche di artisti e incisori come Luca Van LeydenHans BaldungJacques Callot e Barthel Beham.

1. Johan Creten_And The Stains are So Deep - Deep Stains
“And The Stains are so Deep – Deep Stains" – 2003,2012,2016 – Arenaria smaltata – Scultura : 119 x 95 x 60 cm Base : 120 x 95 x 98 cm – courtesy Galerie Perrotin, Paris

Il peccato non sarà poi in fondo la forma stanca della purezza? Non indica forse la nostra condizione di uomini estremamente fallibili? Il peccato non è forse, per riprendere le parole di Victor Hugo, una meravigliosa gravitazione?

Colin Lemoine, storico dell’arte

In occasione della mostra sarà realizzato un catalogo con testi di Colin Lemoine e Nicolas Bourriaud, accompagnati dalle fotografie di Gerrit Schreurs.

Johan Creten scultore fiammingo originario di Sint-Truiden, si forma alle Accademie di Gant e Parigi. Durante il soggiorno nella capitale francese, dove studia come pittore, scopre la ceramica e ne fa il proprio mezzo di espressione artistica. Il lavoro di Creten è stato strumentale nell’innalzare la ceramica ai livelli più alti dell’arte.

Questo secondo alcuni studiosi e secondo il Direttore della fabbrica di porcellana di Sèvres lo rende, assieme a Thomas Schütte e Lucio Fontana, uno dei precursori dell’uso della ceramica nell’arte contemporanea.  Nel panorama concettuale e minimalista degli anni ’80 infatti, la creta era considerata un materiale più umile. Creten la vede, invece, come la terra madre che lega il sacro al profano e da questo incontro nascono nuove forme d’arte. I suoi lavori, spesso inquietanti a causa delle loro forme difficili e contorte, esplorano temi quali la sessualità, l’ingiustizia sociale e la condizione di estraneità, servendosi della bellezza come di un rigenerante, capace di significare le questioni più difficili della nostra esistenza.

0. Johan_Creten ©Yann Rabanier_
Ritratto di Johan Creten ©Yann Rabanier

Creten continua sperimentare, inserendo la ceramica all’interno di dipinti, utilizzando nuovi smalti e materiali, come ad esempio il bronzo, ma soprattutto lasciandosi ispirare sia dall’eredità culturale delle native Fiandre che dalle varie esperienze raccolte nel mondo. Creten considera infatti questa sua estrema
mobilità un pilastro della propria pratica artistica: uno strumento che gli permette di parlare delle difficoltà del mondo contemporaneo.

What do you think?

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, poi collaboratrice e speaker @ 1927 On Air - la storia continua, in onda su Centro Suono Sport. Opinionista periodica sportiva a Gold TV. Ora co-conduttrice di Frequenze Giallorosse (ReteneTVision). SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Aqua film festival

Aqua Film Festival, scade il 20 febbraio il bando a iscrizione gratuita

Sonic vs Tortu

Sonic vs Filuppo Tortu: i più veloci della storia si sfidano! (VIDEO)