in

Marina Militare: conclusa l’esercitazione “Mare Aperto 22-1”. In addestramento vari assetti interforze e interagenzia

Roma. Si è conclusa, ieri, l’esercitazione “Mare Aperto 22-1”.

Si tratta del più importante evento addestrativo della Marina Militare al quale hanno partecipato anche unità dell’Esercito, dell’Aeronautica Militare e numerose realtà del contesto inter-istituzionale e inter-agenzia, come la Confederazione degli Armatori (Confitarma), il Centro di Geopolitica e Strategia Marittima (CESMAR), la Protezione Civile Italiana, il Corpo Infermiere Volontarie della Croce Rossa ed appartenenti al Sovrano Militare Ordine di Malta.

Un pilota della Marina Militare al decollo

L’esercitazione, durata 24 giorni e sviluppata attraverso diverse fasi, ognuna delle quali con specifici obiettivi addestrativi, è stata diretta dal Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di Squadra Aurelio De Carolis, insieme al suo staff imbarcato sulla portaerei Cavour.

La portaerei Cavour in navigazione

Sono stati impegnati i Comandi della Brigata Marina San Marco, delle Forze di contromisure mine e delle quattro Divisioni Navali in cui si articola l’organizzazione operativa della Forza Armata.

Lo sbarco dei mezzi della Brigata Marina San Marco

Fin dall’inizio, l’esercitazione ha visto la partecipazione di unità appartenenti a Nazioni alleate, che hanno contribuito all’addestramento degli equipaggi ed al mantenimento di elevati livelli di interoperabilità tra le forze della NATO.

Un momento dell’attività a bordo nave

Oltre ai mezzi direttamente e stabilmente coinvolti, hanno contribuito alle fasi addestrative ulteriori assetti aerei dell’Aeronautica Militare, tra cui caccia Eurofighter, F35B STOVL, assetti di comando e controllo CAEW G550 e Tanker KC767A, nonchè di altre nazioni, arrivando ad un totale di oltre 30 aeromobili interessati, seppur temporaneamente, all’attività.

Il forte “connotato di proiezione” dell’esercitazione è stato sostenuto dalla presenza di una forza da sbarco composta da oltre 350 fucilieri della Brigata Marina San Marco integrata da una compagnia di Lagunari dell’Esercito Italiano su VTLM, e due della Forza da sbarco della Marina spagnola, per un totale di circa 630 unità.

Un F-35 dell’Aeronautica Militare

“In questa edizione della Mare Aperto, la prima da Comandante in Capo della Squadra Navale, ho voluto ricercare la massima efficacia addestrativa – ha spiegato l’Ammiraglio De Carolis -, coinvolgendo gli staff imbarcati in processi di pianificazione complessi, in uno scenario in continua evoluzione”.

“Grazie al pieno coinvolgimento degli studenti degli atenei partecipanti e delle realtà inter-istituzionali e inter-agenzia coinvolte – ha aggiunto -l’esercitazione è stata finalizzata alla preparazione delle forze marittime nazionali per la tutela degli interessi del Paese e delle organizzazioni internazionali cui esso aderisce, uno dei principali compiti istituzionali della Marina Militare”.

Assetti navali in esercitazione

Particolarmente significativi i risultati ottenuti dal gruppo cacciamine, al cui interno è stato integrato lo Standing NATO Mine Countermeasure Group 2 (SNMCMG 2) che ha operato nella Sardegna meridionale e, durante lo svolgimento dell’esercitazione, ha scoperto e identificato ben 16 ordigni inesplosi risalenti al Secondo Conflitto mondiale, tutti segnalati ai locali organi competenti per le successive azioni di bonifica.

L’elevato interesse dimostrato dalla NATO alla “Mare Aperto 22-1”  è stato dimostrato dalla partecipazione di unità e reparti delle Forze Armate di Canada, Francia, Germania, Grecia, Spagna e Stati Uniti, quale conferma dell’importanza dell’esercitazione anche sul piano internazionale.

La fast rope a bordo di una delle navi impiegate in esercitazione

Anche quest’anno il coinvolgimento di alcuni degli Atenei nazionali è risultato fondamentale nel contesto inter-istituzionale che caratterizza questo importante momento addestrativo secondo un approccio indispensabile per lo sviluppo di temi addestrativi complessi.

Lo scenario che ne è derivato ha consentito il mantenimento e l’accrescimento delle capacità dei Comandanti e dei rispettivi staff di valutare situazioni in rapida evoluzione, pianificare le azioni discendenti e muovere effettivamente le forze nel dominio marittimo di riferimento, comprensivo delle ampie porzioni di territorio litoraneo che esso comprende, degli spazi aerei sovrastanti nonché degli innovativi ambienti spaziale e cibernetico che insieme vanno a costituire il cosiddetto “multi-dominio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Marina Militare: conclusa l’esercitazione “Mare Aperto 22-1”. In addestramento vari assetti interforze e interagenzia proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Polizia di Stato e Carabinieri: operazione antiterrorismo contro il jihadismo. Ventinove in manette

Guardia di Finanza: concluse a Vibo Valentia due operazioni di contrasto all’immigrazione clandestina, soccorse 358 persone e fermati due “scafisti”