in

Missione in Libano: i Caschi Blu italiani forniscono supporto medico

Shama. Riprendono le attività di “Medical Care” in favore della popolazione locale del Sud del Libano

Nei giorni scorsi il Contingente Italiano in Libano guidato dal Generale di Brigata Massimiliano Stecca, Comandante del Settore Ovest di *UNIFIL*, ha condotto un’attività di supporto sanitario (MEDICAL CARE) in favore della popolazione di Ash Sh’aytiyah municipalità appartenente all’Area di Operazioni a guida Italiana.

L’attività svoltasi all’interno di un ambulatorio ricavato nel Centro Sociale, messo a disposizione dal Direttore Sig. *Mohamad Ataia*, ha visto operare un Team Medico italiano , composto completamente da personale femminile (Medico, Infermiere e Operatore Logistico Sanitario), che ha visitato oltre 30 pazienti, principalmente anziani e bambini.

A premessa dell’attività sanitaria, la Componente Civile-Militare (CIMIC) del Settore Ovest di UNIFIL ha donato: 2.000 mascherine FFP2, 3.000 mascherine FFP1, 32 tute protettive, 1.000 guanti in vinile, 1.000 guanti in nitrile e 30 litri di gel disinfettante. Il materiale, donato dalla Struttura Commissariale italiana, mira a sostenere ed aiutare le autorità locali nella gestione dell’attuale periodo di emergenza sanitaria connessa alla pandemia da COVID 19.

I militari italiano offrono supporto e sostegno alla popolazione libanese

Parole di profondo ringraziamento sono state pronunciate dal Direttore Ataia nei confronti del Contingente Italiano: ”… oggi più che mai siamo grati a voi Italiani per l’aiuto concreto che ci state fornendo, il materiale donato e soprattutto le visite mediche  a favore dei miei concittadini  ne sono la prova tangibile e non posso che ringraziarvi di vero cuore”.

Le “Medical Care” rientrano tra le attività previste dalla risoluzione 1701 delle Nazioni Unite, ovvero nel quadro del supporto alla popolazione locale. Nello specifico, i team medici si muovono “a domicilio” per
prestare supporto sanitario di medicina generale alle municipalità sprovviste di un presidio sanitario.

La missione Italiana in Libano è attualmente a guida Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, al suo sesto mandato nella “Terra dei Cedri” con i colori delle Nazioni Unite, e ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL in cui operano 3800 Caschi Blu di 16 dei 46 paesi contributori alla missione ONU e di
cui fanno parte circa 1.000 militari italiani.

I *Caschi Blu italiani* operano nel Libano con imparzialità e trasparenza, a ridosso della Blue Line (linea blu), linea di demarcazione con Israele, per garantire la stabilità nell’area da oltre 15 anni, monitorando la cessazione delle ostilità, assistendo e supportando le Forze Armate Libanesi (LAF) e fornendo supporto alla popolazione locale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Missione in Libano: i Caschi Blu italiani forniscono supporto medico proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Difesa Servizi SpA: presentato il bilancio 2021. Cresce il fatturato di circa 71,1 milioni di euro

Esercito: celebrati i 161 anni di storia e di attività a difesa della sicurezza nazionale