in

Sicurezza: calano le denunce delle persone scomparse. Preoccupano i dati sui minori stranieri

Di Assunta Romano

Roma. E’ stata pubblicata, nei giorni scorsi, sul sito del Ministero dell’Interno la XXIV Relazione annuale sulle persone scomparse (i dati si riferiscono al 31 dicembre dello scorso anno) a cura dell’Ufficio del Commissario Straordinario per le Persone scomparse, istituito nel 2007.

I controlli della Polizia di Stato

I dati, forniti dal Centro Elaborazione Interforze della Direzione Centrale della Polizia Criminale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, evidenziano come il fenomeno riguardi soprattutto i minori.

Su 13.527 denunce di scomparsa, 7.672 (56,72%) sono riferite ad under 18 anni, di cui 5.511 (71,83%) di nazionalità straniera.

Nel corso del 2020 sono arrivati nel nostro Paese 34.134 stranieri, di cui 4.687 minori (pari al 13,72% del totale degli arrivi).

ll dato è sensibilmente superiore a quello del 2019 (1.680).

Provengono soprattutto da Bangladesh, Afghanistan ed Egitto.

Sono per la maggior parte minori stranieri non accompagnati che da soli affrontano lunghi ed estenuanti viaggi con la speranza di raggiungere l’Europa ma poi finiscono nelle reti dei trafficanti di esseri umani.

Giovani ed adulti stranieri finiscono nella rete dei trafficanti di esseri umani

Dal 1° gennaio 2007 (anno di istituzione dell’Ufficio del Commissario Straordinario) al 31 dicembre dell’anno scorso le denunce registrate dalle Forze di Polizia sono state 188.966 (51,15% stranieri), con 49.899 scomparsi ancora da ritrovare.

Ben 108.083 riguardano i minori (66,04% maschi).

Solo il 5,50% degli scomparsi fa parte degli ultra 65enni, il 41,56% rientra nella fascia della maggiore età, mentre il 52,94% è minorenne.

Il 70% dei minori italiani in età adolescenziale viene rintracciato nella prima settimana e molti di essi rientrano spontaneamente dopo qualche giorno presso le proprie famiglie, per mancanza di risorse economiche.

Solamente il 16% dei minori scomparsi viene ritrovato dopo oltre un anno e tale percentuale si riduce all’8% per quanto riguarda i giovanissimi di origine italiana, mentre tocca il 23% se parliamo di stranieri.

Dal report emerge un calo delle denunce dell’11% rispetto al 2019 (15.205) e l’efficacia delle strategie e sinergie istituzionali e territoriali messi in campo negli ultimi anni.

Il Tavolo Interforze con le varie componenti delle Forze di Polizia e la Consulta per le Persone Scomparse (a cui partecipano le associazioni dei familiari delle persone scomparse) rappresentano occasioni di confronto per individuare linee comuni da seguire e definire strumenti appropriati per la prevenzione ed il contrasto al fenomeno.

Grazie infatti alla collaborazione con la Scuola Nazionale dell’Amministrazione, sono stati organizzati corsi di formazione online per i funzionari e dirigenti delle Prefetture che si occupano del coordinamento provinciale delle attività di ricerca.

Anche in piena emergenza sanitaria, sono continuate le iniziative di comunicazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica attraverso brevi spot televisivi su tutti i canali RAI, la distribuzione alle Forze dell’Ordine ed alle Polizie Municipali di brochure informative con indicazione su comportamenti e modalità da seguire, rimarcando l’attenzione sulla tempestività della denuncia di scomparsa di una persona.

Va ricordato il numero verde “116000 – Linea telefonica diretta per i minori scomparsi”, gestito dall’Ente Morale “SOS – Il Telefono Azzurro ONLUS” per conto del Ministero dell’Interno, quale strumento utile per le segnalazioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Sicurezza: calano le denunce delle persone scomparse. Preoccupano i dati sui minori stranieri proviene da Report Difesa.

What do you think?

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Esercito: conclusi i Campionati di Sci a Cortina. Alpini e Paracadutisti alla cerimonia di chiusura

DIFESA: operativo il primo presidio vaccinale ANTICOVID alla Cecchignola a Roma