in

Terza faida di Scampia, i Carabinieri eseguono un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 9 indagati

Napoli. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Napoli hanno eseguito, oggi, un’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto la custodia in carcere nei confronti di 9 indagati.

I Carabinieri di Napoli eseguono un’ordinanza di custodia cautelare per 19 indagati

Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) nei confronti dei responsabili di un duplice omicidio del 9 ottobre 2012 e di un successivo omicidio del 23 ottobre dello scorso anno.

Le indagini si sono basate su dichiarazioni di collaboratori di giustizia, intercettazioni e moltissimi riscontri. Tutte queste informazioni hanno consentito di ricostruire mandanti ed esecutori dei due omicidi, tra loro strettamente connessi, che si collocano nell’ambito della cosiddetta terza faida di Scampia.

Stiamo parlando della guerra tra clan camorristici esplosa nel 2012 che ha condotto alla frantumazione del cartello dei gruppi criminali nei quartieri periferici di Napoli, Scampia e Secondigliano, nelle due fazioni degli Abete-Abbinante-Notturno contrapposti ai Marino-Leonardi-Vinella Grassi e conclusasi solo nel 2013.

Le persone interessate dalla misura cautelare sono considerati tra gli esponenti di primissimo piano delle due fazioni in guerra e tra i principali protagonisti della terza faida di Scampia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Terza faida di Scampia, i Carabinieri eseguono un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 9 indagati proviene da Report Difesa.

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Elettronica Group, fornitura di un “Land Training System” per il programma JEWCS della NATO

Marina Militare, i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) sminano a gennaio 1.331 ordigni inesplosi