in

Direzione Investigativa Antimafia: sequestrati beni per un valore di 750 mila ad imprenditrice attiva nel settore dell’assistenza a disabili ed anziani

AGRIGENTO. La Direzione Investigativa Antimafia, articolazione del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, su disposizione della Procura della Repubblica di Agrigento, diretta dal Procuratore  Dott. Salvatore Vella e del Sostituto Procuratore Gloria Andreoli, ha eseguito un sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente in danno al patrimonio di un’imprenditrice agrigentina, attiva nel settore dell’assistenza agli anziani e disabili, indagata per i reati di appropriazione indebita ed auto riciclaggio.

Agenti della DIA in operazione

L’attività di indagine economico-finanziaria espletata dagli investigatori della DIA attraverso l’analisi di scritture contabili, libri sociali, movimentazione di rapporti finanziari, nonché copioso altro materiale documentale, ha permesso, sostanzialmente, di ricostruire il modus operandi adottato dai soggetti coinvolti accertando come siano riusciti nel tempo a reimpiegare il denaro provento dell’attività illecita scaturita dalla gestione di una società cooperativa ONLUS.

Il provvedimento di sequestro ha interessato 10 immobili e 2 rapporti di conto corrente bancario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Direzione Investigativa Antimafia: sequestrati beni per un valore di 750 mila ad imprenditrice attiva nel settore dell’assistenza a disabili ed anziani proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Il progetto europeo “VERTIGO” raggiunge un traguardo fondamentale: il record di velocità di trasmissione delle comunicazioni laser nello spazio libero

Guardia di Finanza: Alessandria, operazione “Phantom Biomass”, sequestrati beni per 13 milioni di euro nei confronti di quattro amministratori di società indagati per truffa ai danni dello Stato