in

“Italian Day” al NATO Defense College per il 141esimo Senior Course

ROMA. La giornata odierna ha dato il via al Field Study 1, il primo dei tre viaggi studio organizzati a favore del Senior Course, corso di punta svolto presso il NATO Defense College. La prima tappa dell’itinerario, comprendente diverse capitali europee, viene comunemente dedicata all’Italia, dove presso la sede del College, all’interno della Città Militare della Cecchignola – Roma, rappresentanti del Ministero della Difesa, degli Esteri e degli Interni, hanno parlato di Difesa e di Sicurezza nazionale e internazionale.

Ospite d’Onore, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, accolto in mattinata dal Generale di Corpo d’Armata Olivier Rittimann, Comandante del NATO Defense College.

Dopo la consueta firma del Guest Book e una Office Call privata, i due Generali si sono trasferiti in Auditorium per dare inizio alle sessioni della giornata.

Nel suo discorso di apertura, il Comandante del College ha voluto prima di tutto ringraziare i partecipanti, poi ha introdotto il viaggio di studio che i corsisti del 141º Corso si accingono a svolgere, soffermandosi sull’importanza degli argomenti che verranno affrontati e sulla ritrovata possibilità di svolgere nuovamente i Field Study in presenza anziché virtualmente, come avveniva fino a poco tempo fa per le restrizioni dovute alla pandemia.

Il benvenuto del Comandante del NATO Defense College

Successivamente ha preso la parola per il suo intervento l’Ammiraglio Cavo Dragone, nel quale ha voluto evidenziare le sfide che l’Alleanza deve affrontare nel presente e nel futuro. Ha richiamato l’attenzione sull’impegno delle Forze Armate italiane: “che intendono difendere l’interesse nazionale e condiviso, operando all’interno dell’Alleanza internazionale e attraverso un modello integrativo in sinergia con il sistema Paese”. Inoltre, ha incoraggiato il Senior Course 141 a rimanere “motivato, qualificato e di mentalità aperta”. Ha sottolineato il ruolo di NDC come ” componente chiave e uno dei college più prestigiosi e apprezzati al mondo nel campo degli studi militari e strategici”.

Prima di lasciare il College, il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha inoltre voluto rispondere ad alcune domande rivoltegli dai corsisti, in una breve ma intensa sessione di Q&A.

L’intervento del Contrammiraglio Gianfranco Annunziata

Primo relatore della giornata e’ stato il Contrammiraglio Gianfranco Annunziata, Stato Maggiore della Difesa, con una presentazione dal titolo “Elementi e prospettive strategiche della politica di Difesa Italiana”, al termine della quale ha poi risposto a diverse domande fatte dal personale partecipante.

Successivamente, il Maggiore Generale Achille Cazzaniga, del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), si e’ soffermato sugli “Impegni Nazionali nell’attuale contesto strategico”, anch’egli concedendo la possibilita’ di fare domande ai corsisti, molto interessati all’argomento proposto.

Dal Ministero degli Affari Esteri, il Ministro Plenipotenziario Alessandro Cattaneo ha presentato un intervento su “NATO:”, il corrente adattamento e le priorità per l’Italia”, seguita da un’interessante sessione di domande e risposte.

A seguire, la presentazione successiva dal titolo “Le sfide del Terrorismo Contemporaneo: l’esperienza italiana” e’ stata condotta dal dott. Arturo Varriale, del Comitato per l’Analisi Strategica dell’Antiterrorismo del Ministero dell’Interno, al termine della quale, un avvincente panel di domande ha di fatto posto fine all’Italian Day del 141oSenior Course.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

L’articolo “Italian Day” al NATO Defense College per il 141esimo Senior Course proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

COVI: terminato 82° corso Diritto Internazionale Umanitario

Direzione Investigativa Antimafia: confiscati beni per quasi 1 milione di euro nei confronti di un soggetto ritenuto appartenente a una famiglia di Villa San Giovanni