in

Kuwait, l’Esercito posticipa l’acquisto dei carri armati T-90MS di fabbricazione russa

Kuwait City. Le Forze Armate del Kuwait hanno deciso di posticipare l’acquisizione di carri armati T-90MS di fabbricazione russa. Lo ha detto all’Agenzia di stampa cinese Xinhua, il capo dell’Autorità per gli Armamenti e gli Equipaggiamenti dell’Esercito kuwaitiano, Generale Anwar al-Mazidi.

Il carro armato T-90MS

“L’acquisto dei T-90MS non è stato cancellato, ma posticipato”, ha spiegato al-Mazidi. Il Generale ha anche elogiato la cooperazione tra le Forze Armate russe e l’Esercito kuwaitiano.

Il Kuwait è molto interessato ai MBT T-90MS che sono stati sviluppati dalla società di ricerca e produzione di Uralvagonzavod  (una sussidiaria di Rostec).

Il T-90MS è un carro armato che deriva dallo sviluppo del T-90. È stato presentato per la prima volta al pubblico durante la Russian Expo Arms nel settembre 2011.

I nuovi modelli aumentano le capacità operative in combattimento e sono capaci di rispondere alle minacce derivanti dalla guerra moderna.

La versione per l’export del T-90MS  ha un nuovo controllo del fuoco con una serie di mirini stabilizzati per il comandante ed il puntatore.

Il primo contratto per la consegna alle truppe russe è stato firmato alla fine del 2018.

Il carro armato è dotato di una vasta gamma di munizioni, tra cui un missile guidato. Il peso del serbatoio non supera le 50 tonnellate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Kuwait, l’Esercito posticipa l’acquisto dei carri armati T-90MS di fabbricazione russa proviene da Report Difesa.

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Mali, la Francia avanza sul fronte dell’antiterrorismo. La missione Barkhane prosegue. Il Governo di Parigi sostiene i militari impegnati contro il jihadismo

Kosovo, convegno a Roma all’Università LUMSA. Nei Balcani i militari italiani assicurano una qualificata presenza nelle operazioni NATO in corso