in ,

Wave Market Fair, a Roma un’ondata di creatività per dare spazio al mondo del design e dell’artigianato in chiave innovativa

L’edizione natalizia tenutasi al Prati Bus District si è sviluppata tra aree espositive e merceologiche, food truck e soprattutto incontri stimolanti, scambi di idee e opportunità

Wave Market Fair

Ha avuto luogo a Roma, il 30 novembre e il 1° dicembre 2019, l’evento Wave Market Fair, ovvero la prima fiera capitolina ideata e organizzata con lo scopo di favore la promozione dell’artigianato e del design nelle loro diverse declinazioni.

Cornice perfetta per tale appuntamento il Prati Bus District: la nuova location industriale di Roma che rientra pienamente nel concetto correlato all’Industrial style. Gli ampi spazi disponibili (interno: 3.500 mq, esterno: 1.500 mq) sono frutto di un importante progetto di riqualificazione di una porzione dell’ex deposito Vittoria dell’ATAC. L’intervento ha valorizzato uno spazio di 5.000 mq rendendolo funzionale alla nuova destinazione d’uso e allo stesso tempo rispettandone lo stile e le qualità architettoniche.

Nelle due giornate dedicate al mondo del design e dell’artigianato, appena varcato l’ingresso, è stato fin da subito possibile immergersi in un mondo tradizionalista e innovativo allo stesso tempo. Tanto lo spazio dedicato alle proposte handmade senza dimenticare aree specifiche riservate al food truck e al mondo virtuale.

Wave Market Fair, nella sua edizione natalizia, animata da lucine e da un perfetto sottofondo musicale, ha difatti visto anche la presenza del Graphic Designer e Illustrator Brando Corradini, impegnato con gli appuntamenti del “PORTFOLIO REVIEW” nel corso della giornata del 30 novembre. Esperto della visual communication ha offerto la sua consulenza riguardante la sfera “Graphic design & Typoghraphy”, grazie agli incontri organizzati da District, un universo pensato su misura dei designers.

Wave Market Fair
Brando Corradini

District ha avuto invero il merito di arricchire le due giornate della fiera attraverso confronti su brand identity, illustration, editorial design, typoghraphy, lettering e digital art. Corradini, uno dei più interessanti professionisti italiani del settore, noto per la sua creatività e il suo essere eclettico nonché super contemporaneo, sabato è stato protagonista della sessione pomeridiana, andata rapidamente sold out (limitati e molto richiesti i posti per un consulto insieme a lui).

Come perfettamente spiegato sul proprio portale, Wave Market Fair promuove giovani designer e talentuosi progettisti, mettendo appunto a loro disposizione un’area per presentarsi ed entrare in connessione con aziende produttrici, operatori di settore, università ed istituti di design. Young Designers è uno spazio dedicato alle giovani idee, un bacino che raccoglie progetti in erba, in cui le aziende hanno la possibilità di scoprire le menti più promettenti del panorama creativo italiano, e gli enti di formazione di promuovere nuovi percorsi formativi. Un’occasione unica di scambio e networking tra i protagonisti del panorama creativo italiano, con l’obiettivo di creare nuove collaborazioni e reali chance di crescita.

Wave Market Fair

Eventi, progetti e opportunità: tutto ciò rientra pienamente nello spirito District. Si tratta difatti di “una comunità di artisti, studi creativi, art directors, curatori, collettivi artistici, imprenditori, attivisti, sognatori.
Casa degli ultimi progetti della scena creativa contemporanea di una città. District è un luogo per promuoversi, mostrarsi, essere riconosciuti, far cultura o semplicemente scambiare due chiacchiere”
. Grazie a tutto ciò si ha modo di raccontare i propri progetti in modo semplice e immediato, trovare più facilmente persone con le quali collaborare oltre a scoprire ed esplorare i trend e i progetti del panorama creativo italiano.

L’artigianato e il design con Wave Market Fair hanno dunque davvero l’opportunità di incontrare il futuro e proporre stimoli notevoli ad appassionati, esperti e anche neofiti del settore, a prescindere dall’età e dall’esperienza maturata. Non a caso WMF è promotore di un messaggio positivo, rivolto soprattutto ai giovani: incoraggiarli a diventare imprenditori di se stessi.

Wave Market Fair

Wave Market Fair, fin dalle sue origini, e cioè dal 2016, si pone l’obiettivo di offrire un format unico di evento, innescando una rete di collaborazioni tra realtà differenti e mettendo al centro la connessione e lo scambio tra le persone, con un forte impatto culturale, sociale ed economico.

Occuparsi della promozione del Made in Italy rafforzando al contempo la community di giovani creativi con lo scopo di ispirare è senza dubbio ciò che Wave Market Fair ha prefissato dalla sua nascita. Viene invero data grande rilevanza ai progetti innovativi e le giornate organizzate diventano così l’occasione per dar vita a incontri di ispirazione reciproca. Ne consegue un metodo per stimolare la crescita della piccola imprenditoria, incentivando, pertanto, anche l’economia e il turismo della città.

Wave Market Fair

Il numero totale delle aree espositive è ammontato a 140 suddivise nelle sezioni “Craft”, “Product Design” e “Visual Design”. Oltre alla aree merceologiche non è certo mancata una sfiziosa offerta di cibo e bevande, attenta a tutti i gusti, ovvero il risultato della sinergia tra una selezione di food truck, attività di ristorazione locale ed aziende del settore, che fanno della qualità il loro ingrediente principale.

Per quel che concerne la sezione Craft si parte dalla materia grezza per realizzare qualcosa di unico, capace di contenere sia elementi della tradizione che espressioni di creatività nonché modernità. La sezione Product Design, include un’area espositiva che accoglie menti audaci e brillanti, capaci di dar prova di una delle forme più alte di ingegno a disposizione dell’uomo, attraverso la realizzazione di prodotti per la persona e la casa.

Wave Market Fair

Dopotutto tutto ciò che viene realizzato ed è correlato al mondo del design prende vita dall’incontro dell’idea con la materia, grazie ad una costante ricerca di stile, tecnica ed innovazione. Si arriva così anche alla sezione Visual Design: dare forma e colore ad un’idea, tradurre valori e missioni in un’immagine e in uno stile visivo. Qui trovano spazio le più importanti e note espressioni della comunicazione visiva, ovvero editoria, illustrazione, fotografia, tipografia e la grafica.

Non si fanno distinzioni di alcun genere poiché Wave Market Fair si rivolge a uomini e donne. Alle famiglie (Family friendly: in ogni edizione, sono presenti spazi pedagogici, di crescita ed interazione per i bambini e i loro accompagnatori) come ai giovani creativi, ai docenti e agli studenti, ai residenti e ai turisti, ai reseller come agli imprenditori e ai liberi professionisti, agli esponenti del mondo della comunicazione e della graphic design come anche ai semplici appassionati.

Wave Market Fair

Questo perché il motore che muove ogni interesse e ogni progetto, piccolo e grande che sia, è la passione. Wave Market Fair è pensato per gli incontri e i confronti, per gli scambi di idee tra le persone, il tutto all’interno di un luogo dove predomina un clima incentivante e accogliente, in cui ciascuno possa vedere valorizzato il proprio talento e uscirne arricchito.

Altro punto importante che coincide pienamente con la filosofia di MyLab3D è l’importanza riservata all’eco-sostenibilità. La sostenibilità ambientale è cruciale anche per WMF dalla selezione degli artigiani alla scelta dei cibi, delle bevande, e degli allestimenti: tutto viene pensato nel rispetto del sistema in cui è inserito. Tutto questo perché investire nell’arte e credere nel futuro è fondamentale, specie se si riesce allo stesso tempo a tutelare sia il Pianeta che le nuove generazioni -anche sensibilizzandole- troppo intente a pagare per gli errori commessi da quelle precedenti.

Wave Market Fair

Cos’è in sostanza Wave Market Fair? Sebbene definire spesso possa rappresentare dei limiti, la loro stessa descrizione è perfetta: “è un’onda, un insieme di realtà diverse che muovono in un’unica direzione. Ogni edizione combina contenuti differenti, adatti a tutti, con uno sguardo all’innovazione, al consumo sostenibile ed al rispetto ambientale”.


Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, poi collaboratrice e speaker @ 1927 On Air - la storia continua, in onda su Centro Suono Sport. Opinionista periodica sportiva a Gold TV. Ora co-conduttrice di Frequenze Giallorosse (ReteneTVision). SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Hellas Verona-Roma, probabili formazioni

Hellas Verona-Roma, le formazioni ufficiali

Hong Kong, mano pesante della Cina sui rapporti commerciali