in ,

“Cinema da bere”: arriva il drink MAVERICK, ispirato a Top Gun e ideato da Marco Riccetti

Il cocktail ideato dall’head bartender dell’Inside Restaurant & Cocktail Bar di Torino

Drink MAVERICK

Dopo il Bubbles Negroni, il drink ispirato al film Odio l’estate di Aldo Giovanni e Giacomo (tornati ad essere diretti da Massmio Venier) arriva un nuovo cocktail che “mescola” cinema e beverage.

Si tratta del drink MAVERICK, ispirato a Top Gun e ideato da Marco Riccetti, head bartender dell’Inside Restaurant & Cocktail Bar di Torino. Di seguito la fantastica ricetta!

DRINK: MAVERICK
(ispirato al film “Top Gun”, di Tony Scott, 1986)
BARMAN: Marco Riccetti, head bartender dell’Inside Restaurant & Cocktail Bar di Torino

INGREDIENTI:4,5 cl Aviation Gin
2 cucchiaini zucchero liquido
7 cl circa acqua naturale a colmare
1 dash bitter alla prugna

Bicchiere:
 highball

PREPARAZIONE:
Con la tecnica del Build on ice, versare tutti gli ingredienti direttamente nel bicchiere highball colmo di ghiaccio e mescolare.

Drink MAVERICK
Marco Riccetti



ISPIRAZIONE:
Il cocktail nasce dall’idea di realizzare il drink che il Tenente Mitchell (Maverick, interpretato da Tom Cruise) beve durante i momenti-clou di Top Gun. Infatti, nella pellicola, il personaggio è solito bere un bicchiere di acqua naturale con ghiaccio ed ecco che l’ispirazione arriva proprio dal desiderio di realizzare un drink che visivamente assomigliasse al bicchiere d’acqua. Un drink per ‘giocare’ con aromatizzati e bitter cui aggiungere sapori e profumi, pur mantenendo il drink molto easy, leggero e piacevole, seguendo la linea-guida della freschezza dell’acqua e del balsamico di Aviation Gin.

Ed è proprio attraverso le note balsamiche di Aviation Gin che si ricorda nel film il volo nei cieli dei caccia F-14 Tomcat e arriva questa bevuta dissetante e fresca e con una gradazione alcolica non troppo forte. Il tutto con un autentico portento, l’Aviation Gin, di cui è principale ed entusiasta azionista l’attore americano Ryan Reynolds. Un gin small-batch con solo 90 casse distillate alla volta. 

Nato nel 2006 come prima collaborazione tra distillatori e baristi della storia americana, prende il nome dal cocktail Aviation e appartiene a una nuova categoria di Dry Gin, in cui viene dato minor risalto al ginepro in favore di un più bilanciato mix di erbe botaniche, in questo caso: ginepro, cardamomo, lavanda, sarsaparilla indiana, buccia d’arancia dolce, semi di coriandolo e anice, messe in sacchi di nylon in infusione per 18 ore in alcol da grano.

What do you think?

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, poi collaboratrice e speaker @ 1927 On Air - la storia continua, in onda su Centro Suono Sport. Opinionista periodica sportiva a Gold TV. Ora co-conduttrice di Frequenze Giallorosse (ReteneTVision). SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Coronavirus, finalmente la serietà

L’ITALIA SI INCENDIA. DAL CORONAVIRUS ALLE RIVOLTE NELLE CARCERI