in

Marina Militare, grande successo per il 12th Regional Seapower Symposium

Venezia. Sessanta Marine di tutto il mondo, di cui ben trentaquattro rappresentate dal proprio Capo di Stato Maggiore, sono presenti al 12th Regional Seapower Symposiumin svolgimento a Venezia dal 15 al 18 ottobre.Shaping our Navies for the Blue Century è il tema del convegno che si propone di delineare il possibile futuro delle Marine moderne e di mettere in evidenza la necessità di sviluppare un approccio più inclusivo ed equilibrato all’interno della più ampia comunità marittima: mari più sicuri significa maggiori progressi e prosperità per il mondo intero.

Ad aprire i lavori l’intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli e del Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone. Il Generale Vecciarelli nel suo discorso ha sottolineato che: “Allo scopo di mantenere l’intero bacino del Mediterraneo libero e stabile, dovremo condividere informazioni, sviluppare interoperabilità e diffondere le «best practices» di ciascuno. Il tutto, con l’obiettivo di rafforzare il ruolo strategico di questi bacini e salvaguardare le linee di comunicazione marittime interne e circostanti i mari, facilitando quindi il collegamento tra nazioni e culture”, aggiungendo poi che “Allargando il nostro orizzonte, appare evidente che il dominio marittimo, nella sua globalità, sia elemento decisivo per il conseguimento di un benessere inclusivo, esteso al mondo intero”.

Le marine mondiali parlano e discutono

“Mari e oceani aperti, sicuri e liberi, restano la condizione necessaria per uno sviluppo sostenibile e legittimo delle nostre nazioni, delle nostre comunità e delle nostre economie”, ha dichiarato ancora il Generale Vecciarelli. Il Capo di SMD ha proseguito riferendosi al tema di questa edizione “Credo che l’ammodernamento e l’innovazione tecnologica siano fattori decisivi per tutti, nell’identificare i migliori percorsi tesi a definire e modellare le future piattaforme. A mio avviso, i sistemi multi-ruolo, a pilotaggio remoto, lo sfruttamento ragionato di nuove tecnologie, inclusa l’intelligenza artificiale per la gestione dei “big data” offrono tutti opportunità sconfinate nel dominio marittimo”.

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha concluso il suo intervento precisando che “Le nostre marine militari dovranno mantenere la loro tradizionale flessibilità, preservando il loro ampio ventaglio di strumenti –dalla diplomazia navale alla proiezione del potere marittimo –in modo da garantire ai decisori politici tutte le opzioni più utili alla risoluzione delle crisi emergenti”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Marina Militare, grande successo per il 12th Regional Seapower Symposium proviene da Report Difesa.

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Roma campi Trigoria bel tempo

Roma: lavoro atletico e lungo focus tattico, individuale programmato per Cristante

conferenza stampa Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Norton: “Netflix non danneggia il cinema ma la mia non è una polemica contro Spielberg”