in

Polizia di Stato. Prefetto Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine: “Gli istituti previsti dagli articoli 4 bis e 41 bis strumenti irrinunciabili per un’efficace azione di contrasto alle mafie”

Pistoia. “L’esperienza insegna che il legame con l’organizzazione mafiosa si interrompe solo in due modi: con la collaborazione o con la morte”.

L’intervento del Prefetto Francesco Messina

Lo ha detto, ieri, a Pistoia, il Prefetto Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, intervenendo al convegno “Fine pena, quando? L’impegno dell’antimafia e la riforma dell’ergastolo ostativo”, organizzato dall’Associazione Nazionale Magistrati (ANM), con la presenza dell’ex Procuratore di Palermo Giancarlo Caselli e Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Giovanni Falcone, Antonio Montinaro.

Ed è per lo stesso motivo che, secondo il Direttore Centrale Anticrimine
della Polizia di Stato, “gli istituti previsti dagli articoli 4 bis e 41 bis
sono strumenti irrinunciabili per un’efficace azione di contrasto alla
criminalità organizzata di tipo mafioso”.

“Senza queste norme, – ha proseguito –  i risultati ottenuti in oltre 30 anni di attività contro le mafie non si sarebbero potuti raggiungere e rinunciare ad esse significherebbe correre il serio rischio di depotenziare i mezzi a disposizione dello Stato per contrastare il fenomeno mafioso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Polizia di Stato. Prefetto Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine: “Gli istituti previsti dagli articoli 4 bis e 41 bis strumenti irrinunciabili per un’efficace azione di contrasto alle mafie” proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Carabinieri: al COESPU di Vicenza si terrà fino a venerdì l’esercitazione internazionale sul traffico degli esseri umani

Carabinieri: nel Torinese sequestrata droga per un valore di oltre 3 milioni di euro. Un arresto