in

Un omaggio a Peroni Cruda chiude la mostra “Acqua e Birra per Roma Capitale” che ha raccontato uno storico legame

Un birra “speciale” per una location altrettanto prestigiosa come quella dell’Archivio di Stato

Peroni Cruda

Si è chiusa con una celebrazione di Peroni Cruda la mostra “Acqua e Birra per Roma Capitale”. L’ultimo giorno dell’esposizione ha visto protagonista la prima “non pastorizzata” della famiglia Peroni, una birra che a soli due anni dall’ingresso sul mercato si è distinta nell’ambito delle più prestigiose competizioni internazionali del settore brassicolo.

Peroni Cruda

L’interessante quanto affascinante mostra ha raccontato il legame tra la Città eterna e la sua birra riuscendo, in un solo mese di apertura, a far registrare nel complesso di S.Ivo alla Sapienza più di mille visitatori. Non poteva chiudersi meglio tale esposizione: Peroni Cruda è una birra non pastorizzata fatta con malto 100% italiano. Grazie al processo di microfiltrazione a basse temperatura è in grado di preservare tutto il gusto e la freschezza della birra come appena spillata in birrificio.

Peroni Cruda

Un birra “speciale”, dunque, per una location altrettanto prestigiosa, come quella dell’Archivio di Stato nel complesso di S.Ivo alla Sapienza. In questa splendida cornice è stata ospitata nell’ultimo mese la sopracitata mostra che ha ripercorso il rapporto storico tra Birra Peroni e Roma. L’esposizione, in particolare, ha consentito di ricostruire, attraverso testimonianze e documenti ufficiali la relazione tra la crescita urbana, demografica e produttiva della città capitolina e i luoghi di produzione, promozione e vendita di Birra Peroni tra la fine dell‘800 e il ‘900, con particolare riferimento alla stretta connessione tra Birra Peroni e l’Acqua Pia Antica Marcia, azienda nata nel 1869 per gestire e vendere acqua dell’acquedotto romano e che, ancora oggi, gestisce alcuni servizi della Capitale.

Peroni Cruda

L’esclusiva degustazione, guidata dal Mastro Birraio Raffaele Sbuelz, ha dato la possibilità di conoscere le caratteristiche che distinguono Peroni Cruda e che hanno permesso a questa birra di essere nominata, tra gli altri riconoscimenti ottenuti, International Style Lager of The Year in occasione del New York International Beer Competition 2018. Distinguendosi tra le oltre 600 birre, proveniente da 14 Paesi, che hanno preso parte all’ultima edizione della competizione nel cuore di Manhattan, Peroni Cruda è stata dunque riconosciuta quest’anno come migliore birra a livello internazionale della sua categoria.

Peroni Cruda

Come ha spiegato Ludovica Lioy, Peroni Family brand managerPeroni Cruda, ha contribuito a tenere alto in questi due anni l’onore del made in Italy nel mondo. Le sua qualità, riconosciuta dai consumatori ma anche dai principali esperti del settore, deriva dall’ingrediente principale, il Malto 100% italiano e dal processo produttivo. Per tali ragioni questa birra è buona come fosse appena fatta e rende il privilegio dei nostri mastri birrari un piacere per tutti”.

Peroni Cruda

In linea con le caratteristiche della birra, nel corso della degustazione, Peroni Cruda è stata abbinata ad alcune delle migliori espressioni della gastronomia italiana e laziale. Prodotti freschi e di estrema qualità come ricottine fresche con miele, caprese di ciliegina di bufala e pachino, formaggio primosale, panna di bufala con pomodori secchi e perfino la caciotta fior di pecora di Norcia, la Corallina Tuscolana e la Salamella romana piccante.

#PeroniCruda #BuonaComeAppenaFatta

 

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, ora collaboratrice nella redazione di 1927 On Air - la storia continua , in onda su Centro Suono Sport. SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Bianda

La Roma ufficializza l’acquisto di William Bianda

Il Marketing Multisensoriale