in

Esercito: Simulatore E.S.T. per il 183° Reggimento “Nembo”. Il personale consegue l’abilitazione all’uso del sistema E.S.T. alla 173rd Airborne Brigade di Vicenza

Vicenza. I Paracadutisti del 183° Reggimento Nembo hanno frequentato un corso sul sistema di simulazione Engagement Skill Trainer (E.S.T.) tenutosi a Vicenza nella Caserma Del Din in coordinamento con la 173rd Airborne Brigade.

Un Paracadutista si esercita con la pistola Beretta 92

Nel suo impiego più semplice l’ E.S.T. appare come un simulatore di tiro computerizzato che sfrutta una tecnologia a raggi laser su bersagli visualizzati su uno schermo. In realtà  le potenzialità del sistema sono molteplici: circa dieci piazzole di tiro, diverse armi impiegabili, diverse le distanze dei bersagli.

Parte interessante è rappresentata dal meccanismo ad aria compressa che riproduce sparo e rinculo rendendo l’azione di fuoco molto realistica e vicina al 90% della sensazione di sparo reale.

Si spara con la mitragliatrice M2

La parte più complessa del sistema prevede la proiezione di scenari che immergono la squadra nei vari contesti operativi in cui i militari si sono trovati ad operare.

Molteplici le situazioni in cui la squadra viene immersa dal simulatore: imboscate, pattugliamenti, check point, centri abitati.

Questa interazione con lo scenario permette di migliorare le capacità di coordinamento dell’unità e di addestrare le capacità decisionali di ogni paracadutista che si addestra a reagire alla situazione che viene proposta  in tempi rapidi e con efficacia.

L’attestato di certificazione per gli istruttori del Nembo

Il computer registra colpi e traiettorie e al termine dell’operazione viene proiettato il replay dell’azione evidenziando con precisione le modalità con le quali il personale ha sparato. Questo permette un rapido controllo su procedure, aspetti positivi e punti da migliorare riguardo l’azione appena eseguita.

Gli istruttori del 183° Nembo hanno conseguito la certificazione che li abilita all’utilizzo di questo sistema di simulazione e che entra a far parte delle possibilità addestrative dei paracadutisti della Folgore.

Il Comando Forze Operative Nord, Alto Comando dell’Esercito che ha alle proprie dipendenze la Brigata “Folgore”, favorisce da tempo l’utilizzo di simulatori diventati sempre più importanti nella formazione, nel mantenimento e nel miglioramento delle capacità del personale.

Strumenti  tecnologici come l’E.S.T. permettono di istruire velocemente il personale nei vari esercizi da svolgere, portando ad un sostanziale risparmio di risorse economiche, di tempo e salvaguardando l’ambiente.

Il simulatore, utilizzato dai militari statunitensi della 173rd  Airborne Brigade, rappresenta la volontà  da parte delle aviotruppe di eserciti diversi di  creare un legame addestrativo, oltre che operativo, all’interno della più ampia Airborne Community.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Esercito: Simulatore E.S.T. per il 183° Reggimento “Nembo”. Il personale consegue l’abilitazione all’uso del sistema E.S.T. alla 173rd Airborne Brigade di Vicenza proviene da Report Difesa.

What do you think?

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Il Giorno Sbagliato, dal 24 settembre al cinema il thriller psicologico con un inedito Russell Crowe

Esercito: conclusa la 3^ edizione dell’esercitazione di soccorso alpino “Altius Three” della Brigata Alpina “Taurinense”. Presenti assetti Servizio Piemontese del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, della Guardia di Finanza, Speleosub e del 118