in

La Roma batte 1-0 il Qarabağ con il gol di Perotti e si aggiudica il passaggio agli ottavi di Champions

Roma, Perotti

Di Francesco, per fronteggiare gli uomini di Gurbanov ha schierato il consueto 4-3-3 composto da: Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Strootman; El Shaarawy, Dzeko, Perotti. Rispetto alla gara contro la SPAL il tecnico della Roma è dunque tornato a contare su De Rossi, squalificato per un altro turno in campionato, e i ritrovati Nainggolan e Perotti. Le altre variazioni riguardano proprio il calciatore argentino, tornato a completare il tridente offensivo con El Shaarawy e Dzeko, dopo la chance concessa a Ünder. Infine, Fazio, è tornato titolare come difensore centrale al posto di Jesus.
Il primo tempo, caratterizzato agli inizi dai ritmi abbastanza contenuti, si è sviluppato gradualmente con una serie di incursioni giallorosse nell’area azera non andate a segno. La squadra rivale si è al contempo rivelata pericolosa in un paio di ripartenze, a loro volta non finalizzate. L’occasione più concreta per i padroni di casa è giunta al 39′ con Manolas il quale, dopo aver anticipato Dzeko, ha impattato male mancando di poco la porta di Sehic. Al 42′ l’arbitro Stieler ha assegnato il primo cartellino giallo della partita a Guerrier per un fallo commesso ai danni di El Shaarawy. In seguito ad altre due buone chance con l’attaccante bosniaco, che nel primo caso è stato impreciso dalla distanza e nel secondo ha calciato alto sopra la traversa, Nainggolan è andato vicino al gol con un destro potente respinto però dal portiere azero, bravo a opporsi anche al rimpallo di Kolarov. Il primo tempo allo scadere dei tre minuti di recupero, si è quindi chiuso a reti inviolate.
Appena iniziata la ripresa la Roma si è dimostrata subito più aggressiva e concentrata, trovando il gol del vantaggio al 53′ con Perotti abile in area ad arrivare per primo sul pallone servito da Strootman e ad insaccare la sfera alle spalle di Sehic. A non prenderla bene è stato soprattutto Michel, sanzionato al 57′, per un’entrata effettuata proprio sull’autore della rete in favore dei padroni di casa. Il nervosismo è continuato a salire tanto che dopo quattro d’orologio è arrivato il doppio giallo per Dzeko e Yunuszada, colpevoli di essersi trattenuti a vicenda in attesa del calcio d’angolo dei giallorossi. Vicinissimo alla rete del raddoppio poi Nainggolan, al 62′, con un sinistro al volo respinto dall’undicesimo uomo del Qarabağ.
Il primo cambio della gara è giunto per la Roma al 71′: fuori El Shaarawy dentro Gerson, seguito al 76′ dalla sostituzione realizzata da Gurbanov, il quale ha favorito l’ingresso in campo di Quintana per Ismayilov. Trascorsi altri 4 minuti è subentrato PellegriniPerotti. All’84′ il tecnico azero ha esaurito i cambi effettuando una doppia sostituzione facendo uscire Ndlovu e Madatov rispettivamente per Shedayev e Ramazanov. Occasione per la Roma con Kolarov all’87′ con un destro respinto ancora una volta da Sehic. Un minuto dopo è arrivato un altro giallo, per Rzezniczak, a causa di un fallo su Gerson. Il club capitolino, abile a mantenere il possesso palla e a rischiare meno, batte 1-0 il Qarabağ aggiudicandosi il passaggio agli ottavi di finale di Champions.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, ora collaboratrice nella redazione di 1927 On Air - la storia continua , in onda su Centro Suono Sport. SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Roma-Qarabag le formazioni ufficiali

Roma-Qarabağ, le formazioni ufficiali

Roma, allenamenti-rifinitura

Roma, domani la ripresa in vista del match contro il Chievo. Di Francesco: "Non accontentiamoci"