in

Mancini, allenamento personalizzato a Trigoria e 1a intervista: “Tutte le volte che andrò in campo suderò per la maglia e per far gioire i tifosi”

Giornata piena per il neo acquisto giallorosso tra visite mediche, firma del contratto, prima sessione di lavoro e rilascio di dichiarazioni ufficiali da calciatore della Roma

Gianluca Mancini AS Roma (3)

Il 9° giorno di ritiro giallorosso ha visto protagonista Gianluca Mancini: l’ormai ex Atalanta in mattinata è arrivato nella Capitale, a Termini, per spostarsi a Villa Stuart al fine di svolgere i consueti test medici, in seguito ha fatto tappa a viale Tolstoj, all’Eur, per apporre la firma sul contratto che lo legherà alla Roma fino al 2024 e per concludere ha visitato Trigoria dove si è anche allenato.

Mancini ha invero svolto la sua prima seduta di lavoro (personalizzato) in giallorosso presso il centro tecnico sportivo Fulvio Bernardini, luogo in cui gli uomini di Fonseca stanno realizzando la preparazione estiva. Il difensore centrale classe 96′ è il quarto acquisto del neo DS Gianluca Petrachi dopo Spinazzola, DiawaraPau Lopez.

Il passaggio di Mancini dall’Atalanta alla Roma si è concluso con la formula del prestito per 2 milioni di euro e un obbligo di riscatto fissato a 13 più 8 di bonus (in base al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi) e una percentuale sulla futura rivendita. Il nuovo calciatore del club capitolino ha inoltre rilasciato la sua prima intervista a RomaTV. Di seguito il contenuto.

Cosa significa per te essere un giocatore della Roma?
Essere un giocatore della Roma ed arrivare in una società così prestigiosa per me è un motivo di orgoglio e ripaga tutti i sacrifici che ho fatto da quando ho iniziato a giocare a calcio. Sono un uomo felice.

Che trattativa è stata?
È stata una trattativa lunga. A gennaio c’era stata una chiacchierata ma niente di concreto, poi da giugno i discorsi sono andati avanti. Io volevo venire, perché la Roma è una società importante e quindi la trattativa si è conclusa bene.

Hai rinunciato anche a giocare la Champions League con l’Atalanta per venire qui
Più che una rinuncia per l’Atalanta, è che la Roma è una squadra di prestigio ed è difficile rifiutare una sua chiamata. A Bergamo ho passato due anni significativi, abbiamo conquistato anche la qualificazione in Champions però quello della Roma è un treno importante che non passa sempre e io sono voluto salirci su per iniziare questa nuova avventura.

Hai parlato con Fonseca?
Sì, mi ha detto un po’ di cose ma voglio tenermele per me. Sono rimasto colpito, perché non è da tutti i giorni ricevere una chiamata da un tecnico come lui. Quindi posso solo dire che non vedo l’ora di iniziare.

L’anno scorso hai realizzato 6 gol: non pochi per un difensore
Quando un difensore segna dà una mano alla squadra. Anche se il mio ruolo è incentrato sul fatto di aiutare i compagni a non prendere reti. Se poi si riesce a farli, ben vengano.

Sei non solo molto forte negli stacchi aerei, ma anche nella esplosività e negli inserimenti: cosa conta di più nel tuo ruolo?
Esplosività e inserimento sono caratteristiche che possiedo. Magari sono state evidenziate di più anche del gioco dell’Atalanta di Gasperini, dove si andava a prendere l’uomo alto. Devo comunque migliorare ancora in questi come in tanti altri aspetti delle fasi di gioco.

Mister Fonseca chiede sempre molta intensità in campo: ti senti un giocatore adatto per questa caratteristica?
Per il mio modo di vedere il calcio questa caratteristica è importante, perché permette di aggredire l’avversario e di farlo ragionare con poco tempo a disposizione. Io mi sento di essere adatto a questo stile di gioco, anche perché a Bergamo l’intensità era una delle nostre caratteristiche principali. Quindi non vedo l’ora di lavorare con il Mister e capire bene cosa vuole in campo.

L’ultimo anno a Bergamo ti ha consentito anche di arrivare ad essere chiamato dall’Italia del CT Roberto Mancini
Sicuramente l’ultima stagione è stata bellissima sotto tutti gli aspetti. Ogni ragazzo italiano sogna di giocare in Nazionale. Io ho avuto la fortuna di essere convocato e di scendere in campo. Essere convocato di nuovo in azzurro sarà uno stimolo in più per fare bene con la maglia della Roma.

Peccato per l’Europeo Under 21 di giugno che non è andato come tutti speravano
Non è andato come volevamo, eravamo una squadra forte. Abbiamo battuto la Spagna, peccato aver fatto male con la Polonia. Ma è andata così e ora non bisogna guardarsi indietro ma guardare al futuro per migliorare sempre di più.

Raccontaci un po’ la tua carriera
Ho iniziato con la Fiorentina dove ho fatto tutto il settore giovanile, dai 9 ai 19 anni. Sono stato anche in Prima Squadra ma senza mai esordire, poi sono stato due anni a Perugia dove ho fatto l’esordio tra i professionisti in B. Poi i due anni a Bergamo, dove sono migliorato in tutto: sia mentalmente, a livello di concentrazione e di approccio alle partite, sia a livello fisico-atletico. Ringrazio per tutto questo mister Gasperini.

Hai un messaggio per i tifosi della Roma?
A loro dico che darò il massimo impegno, con concentrazione e umiltà. Tutte le volte che andrò in campo suderò per la maglia per cercare di far gioire tifosi, società e compagni.

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, ora collaboratrice nella redazione di 1927 On Air - la storia continua , in onda su Centro Suono Sport. SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Gianluca Mancini AS Roma

Roma, perfezionato l’ingaggio di Mancini

Afghanistan: il Comandante di Resolute Support presiede un incontro sulla sicurezza