in

Oggi su Sky TG24 “Stories from home”: un dialogo con Favino, Sorrentino e Verdone sul futuro del cinema italiano

Su Sky TG24 venerdì 22 maggio alle 20:20 e disponibile on demand

“Il cinema è fatto di lavoratori, non solo di persone dotate di talento, abbiamo bisogno di tutele”

Pierfrancesco Favino

“I film andrebbero distribuiti anche attraverso tv e streaming, la sala sopravvive in occasione di eventi”

Paolo Sorrentino

“Il drive in non può risollevare le sorti del cinema italiano”

Carlo Verdone

Il Cinema al tempo del Coronavirus. Tre grandi nomi del mondo cinematografico raccontano il loro lockdown, dal punto di vista professionale e umano. Pierfrancesco Favino, Paolo Sorrentino e Carlo Verdone dialogano su presente e futuro del cinema con il vicedirettore di Sky TG24 Omar Schillaci nella prima puntata di Stories from Home, versione “da remoto” del format Stories, il ciclo di interviste dedicate al mondo dello spettacolo di Sky TG24, in onda venerdì 22 maggio alle 20.20 su Sky TG24, sabato 23 maggio alle 17.50 su Sky Artee disponibileon demand.

I tre ospiti, in collegamento da casa, raccontano come hanno vissuto queste settimane che hanno cambiato la quotidianità di ognuno. Il tempo libero ma anche e soprattutto l’impegno e i progetti futuri in un settore, quello cinematografico, che, dopo l’improvviso stop, ha la speranza e la voglia di ripartire pur in uno scenario ancora incerto. Una ripartenza che, a loro avviso, non può essere fatta solo di idee poco concrete ma deve concentrarsi anche su riflessioni legate a una grande industria italiana, fatta di artisti e lavoratori, e alla possibilità di dover ripensare il ruolo della sala cinematografica e delle nuove tecnologie nel Cinema di domani.

Per Pierfrancesco Favino “la speranza è innanzitutto che si torni a lavorare. Ogni tanto c’è l’idea che il sogno, che è il prodotto di ciò che facciamo, non derivi da un lavoro, invece è molto laborioso e faticoso e riguarda sicuramente le maestranze ma anche chi ha dei ruoli creativi. A me piacerebbe che il nostro ambiente venisse guardato come un ambiente di lavoratori e non solo di persone dotate di talento. Siamo dei lavoratori come tutti gli altri e abbiamo bisogno di tutele”.

Paolo Sorrentino ha posto l’accento sulla necessità di ripensare anche la distribuzione: “come tutti amo la sala – ha spiegato – e la considero un evento memorabile, ma non ho nessun tipo di preclusione sulla distribuzione di film in streaming o sulla fruizione di film o serie televisive attraverso il computer. Farei una grande pressione per la distribuzione di film e serie tv attraverso lo streaming, la televisione e il computer, non solo in questo periodo di emergenza, ma in generale. Facciamo parte di una generazione che ha amato la sala e i festival e questo penso che debba sopravvivere, penso però sia abbastanza utopistico che la sala possa sopravvivere se non in occasione di film che sono eventi”.

Di diverso avviso Carlo Verdone, per cui la sala è un luogo unico e non potrà essere, ad esempio, sostituita dai drive in: “il drive in è un’idea assurda, va bene come un’arena estiva per una retrospettiva, una specie di cineclub estivo, non credo però che riesca a risollevare le sorti del cinema italiano”.

Molti altri i temi trattati durante l’intervista: il ruolo che la spiritualità ha avuto in nei giorni difficili del lockdown, il significato della solidarietà, come il virus ha inciso sulle virtù e sui difetti degli italiani anche dal punto di vista psicologico, come cambierà il mondo del lavoro. Inoltre i tre artisti hanno raccontato come hanno vissuto le settimane di lockdown.

Sorrentino ha confessato: “ho prevalentemente giocato a ping pong con mio figlio sul tavolo del soggiorno. Inoltre sono molto ordinato e quindi ho rimesso a posto in modo maniacale libri, dischi e vestiti. Però non ho lavorato”. Al contrario Verdone si è dedicato quasi esclusivamente al lavoro: “ho occupato gran parte del tempo davanti al computer e mi sono dato da fare sulla scrittura: ho preparato un soggetto per il prossimo film, sto completando il libro che devo consegnare a fine agosto e ho controllato tutte le puntate di una serie che girerò nel 2021. Sono sempre stato seduto a scrivere”, mentre Favino ha ammesso di essere “riuscito con metodo a non portare a fondo nessuna delle tante cose iniziate. “ho letto circa quaranta libri che devo finire tutti e ho iniziato dei corsi online di cose diversissime anche quelli tutti sospesi, quindi però ho tantissime cose da fare da qui in avanti”.

What do you think?

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, poi collaboratrice e speaker @ 1927 On Air - la storia continua, in onda su Centro Suono Sport. Opinionista periodica sportiva a Gold TV. Ora co-conduttrice di Frequenze Giallorosse (ReteneTVision). SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Guardia di Finanza: Operazione “Spartaco”. A Lodi scoperta maxi frode fiscale realizzata da un’impresa della grande distribuzione. Sequestrati beni per 20 milioni di euro

The Old Guard

The Old Guard: il trailer del nuovo film con Charlize Theron, KiKi Layne e Luca Marinelli