in

Difesa: il ministro Lorenzo Guerini alla riunione informale a Lubiana. La crisi afghana fornisce ulteriore conferma di quanto sia instabile e incerto il panorama geostrategico

Lubiana. Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini ha partecipato, oggi a Lubiana (Slovenia), alla riunione informale dei ministri della Difesa dell’Unione Europea.

Un momento della riunione

Al centro della discussione la situazione afghana, l’aggiornamento degli impegni operativi dell’UE e la “Strategic Compass”.

A margine dei lavori l’incontro con il suo omologo cipriota Charalambos Petrides.

Il ministro Guerini con il suo collega greco Charalambos Petrides

“La crisi afghana fornisce ulteriore conferma di quanto sia instabile e incerto il panorama geostrategico e ci porta una serie di lezioni che dobbiamo apprendere come Unione Europea – ha detto Guerini nel corso del suo intervento – è necessario migliorare la nostra capacità di anticipazione strategica, valorizzare le peculiarità e gli strumenti propri dell’Unione, dotarci delle capacità necessarie per operare efficacemente ma soprattutto avere la volontà di impiegarle in modo efficace e coerente in relazione agli obiettivi”.

“Credo – ha aggiunto – che lo Strategic Compass debba riflettere tutte queste esigenze e sono convinto che debba essere un documento ambizioso e concreto, che guardi con realismo anche ai rapporti con i principali partner, in primis la NATO”.

“Ora in Afghanistan è il momento della solidarietà – ha continuato Guerini -. Abbiamo evacuato molti, ma non tutti. Dobbiamo agire per garantire che, chi vuole lasciare il paese, lo possa fare. Dobbiamo vigilare sul rispetto dei diritti umani. L’Unione Europea dovrà essere all’altezza della situazione”.

Affrontando il tema delle missioni, Guerini ha ribadito che “l’esito dell’Afghanistan ci deve spingere a confermare il nostro impegno nelle varie missioni e operazioni, valutandone l’efficacia ed essendo pronti ad apportare i correttivi necessari, in termini di mandati e strutture delle forze”.

Il ministro ha poi parlato della situazione in Africa. “Il Sahel – ha spiegato – resta al centro dell’impegno italiano sia nell’ambito delle missioni europee che su base bilaterale, con la realizzazione di un hub logistico in Niger, di cui potranno beneficiare anche le missioni di CSDP (Common Security and Defence Policy)”.

Sulla Libia – ha proseguito Guerini – teatro di primario interesse strategico per l’Italia, continueremo a sostenere Irini, anche nella dimensione dell’attività di addestramento delle autorità libiche preposte al controllo marittimo”.

Inoltre, il ministro ha voluto porre l’accento sulla Somalia e sulla situazione di sicurezza che permane grave,.

“I contributi operativi alla EUTM (European Union Training Mission) sono sottodimensionati – ha evidenziato nel suo discorso -. Colgo qui, perciò, l’occasione per ribadire che, al di là del necessario supporto politico, è importante garantire la piena sostenibilità delle nostre missioni, a partire dalla disponibilità delle forze”.

In questo ambito è stato sottolineato il crescente impegno da parte del nostro Paese nelle missioni europee nei Balcani e in Mozambico.

Per quest’ultimo, l’Italia, ha detto il Ministro “supporta appieno il tempestivo avvio della missione di assistenza EUTM Mozambico, ne condivide gli obiettivi principali ed è disponibile a garantire personale qualificato alla missione”.

Il confronto sullo “Strategic Compass” ha posto l’accento sul libero accesso ai beni globali, sulla comunicazione strategica e sul contrasto alla disinformazione e alle minacce ibride facendo emergere la necessità di una “intelligence condivisa”.

Cyber, spazio e mare, risultano tre domini vitali sia in campo civile sia in quello militare, pertanto, “bisogna garantire la capacità dell’Unione Europea e degli Stati membri di operare in sicurezza e di difendersi, se sono minati i nostri interessi”.

Il titolare della Difesa ha avuto, inoltre, un incontro bilaterale con il cipriota Charalambos Petrides.

E’ stata discussa la situazione di sicurezza nel Mediterraneo Orientale dove, ha affermato il ministro “è necessario ricercare soluzioni comuni attraverso il dialogo fra tutti gli attori coinvolti prevenendo incomprensioni e mitigando il rischio di conflittualità.

Nello scambio di idee tra i due ministri non è mancata l’analisi delle attività di cooperazione bilaterale e multilaterali.

“La nostra iniziativa QUAD (Quartet Cooperation Initiative), insieme a Francia e Grecia – ha detto Guerini – sta procedendo efficacemente e sono assolutamente a favore degli sforzi che stiamo facendo in quest’ambito per migliorare la nostra presenza coordinata nelle acque del Mediterraneo orientale anche per garantire il rispetto del diritto marittimo”.

Concludendo il ministro ha ribadito al collega cipriota la massima collaborazione anche nel settore del procurement, soprattutto in relazione alla cessione di mezzi ed equipaggiamenti attraverso l’Agenzia Industrie Difesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

L’articolo Difesa: il ministro Lorenzo Guerini alla riunione informale a Lubiana. La crisi afghana fornisce ulteriore conferma di quanto sia instabile e incerto il panorama geostrategico proviene da Report Difesa.

What do you think?

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Torna Frequenze giallorosse, al via la terza stagione in compagnia del Presidente dell’A.I.R.C. 1971 Francesco Cavallo

Guardia Costiera: a Napoli operazione contro gli ormeggi abusivi