in

Esercito: a Roma gli Alpini della Brigata “Julia” impegnati nell’Operazione “Strade Sicure” hanno finora arrestato 27 persone per diversi reati

Roma. Sono 160 gli obiettivi presidiati dal 20 giugno scorso dagli Alpini che a Roma sono impegnati nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”, al comando del Generale di Brigata Alberto Vezzoli, 44° comandante della Brigata “Julia”.

Militari del 3° Reggimento Artiglieria della Brigata “Julia” vigilano all’interno della stazione metro di Castro Pretorio

Si tratta di siti istituzionali, luoghi artistici, siti diplomatici, nodi di scambio, luoghi di culto e siti di interesse religioso. Gli uomini e le donne della “Julia” mettono a disposizione dei cittadini della Capitale ed anche dei turisti provenienti da tutto il mondo in questo particolare periodo di vacanze estive, la loro esperienza maturata nei Teatri operativi in cui sono stati impiegati nel recente passato e l’addestramento sia tipico delle Truppe Alpine, sia specifico e mirato alla tipologia di impiego per l’operazione nazionale.

I soldati dell’8° Reggimento tra i cittadini

La Forza Armata conduce l’operazione in tutta Italia in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia, ininterrottamente dal 4 agosto 2008, in virtù della legge 125 del 24 luglio dello stesso anno che ha autorizzato, per specifiche esigenze, l’impiego di un contingente di personale militare che agisce con funzioni di agente di pubblica sicurezza.

“Strade Sicure” costituisce l’impegno più oneroso dell’Esercito in termini di uomini, mezzi e materiali.

Molto stretta la vigilanza ad uno dei gate di Piazza Venezia

Questo il bilancio delle prime settimane di servizio svolto nella Capitale dagli oltre 2 mila uomini e donne dell’Esercito alle dipendenze del Comandante della “Julia”: più di 3.500 pattuglie effettuate, quasi 700 persone identificate, 27 arresti per diverse tipologie di reato o denunce a piede libero

Soprattutto sono numerosi (circa 100) gli interventi a favore dei cittadini colti da malore o vittime di incidenti stradali, o ancora nei confronti di minorenni, italiani e stranieri, smarriti e in cerca dei genitori.

La presenza degli Alpini a Roma è discreta, composta, attenta e mai invadente.

Un militare del Piemonte Cavalleria (2°) dà informazioni a delle turiste sotto il Palatino

E’ emozionante arrivare al Colosseo o all’Altare della Patria ed incontrare gli Alpini dell’8° Reggimento di Venzone, gli Artiglieri da Montagna del 3° Reggimento di Remanzacco, i Cavalieri del Piemonte Cavalleria (2°) di Villa Opicina (nella “Julia” dal 2014) ed i Genieri Alpini del 2° Reggimento di Trento posizionati in Via della Conciliazione.

Personale del 2° Genio Guastatori presidia Via della Conciliazione

Tutti operano in zone con servizi di vigilanza ed attività di perlustrazione in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia, finalizzate al controllo del territorio, al contrasto della criminalità e alla prevenzione di attacchi terroristici.

Gli altri reparti della “Julia”, il 5° Reggimento Alpini di Vipiteno, il 7° Reggimento di Belluno, il Reggimento logistico di Merano ed il Reparto Comando e Supporti Tattici di Udine, sono impegnati sempre nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”, inquadrati nel Raggruppamento Lombardia, nell’area di Milano e Como.

Tra gli eventi più significativi da citare il pronto e risolutivo intervento di due Artiglieri del 3° Reggimento di Remanzacco: il Caporal Maggiore Scelto Vito Esposito ed il Caporal Maggiore VFP4 Angelo Carbotti.

Entrambi, mentre si trovavano in servizio di notte, presso la stazione ferroviaria di Roma Tiburtina, hanno individuato un cittadino che trasportava uno zaino voluminoso e che si aggirava in atteggiamento sospetto tra i passeggeri appena scesi dal treno.

Si sono avvicinati all’uomo con l’intento di effettuare i controlli previsti ma l’uomo si dava rapidamente alla fuga e nella corsa abbandonava lo zaino all’interno del quale, le Forze dell’ordine intervenute su chiamata dei militari, rinvenivano oltre tre chilogrammi di sostanze stupefacenti.

In occasione delle recenti visite il Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, comandante delle Forze Operative Sud ed il comandante delle Truppe Alpine, Generale di Corpo d’Armata Claudio Berto, si sono complimentati con tutti gli uomini e le donne dell’Esercito presenti a Roma, per l’ottimo lavoro sin qui svolto.

La visita del Generale di Corpo d’Armata, Rosario Castellano al personale del 3° Reggimento Artiglieria

 

Il comandante delle Truppe Alpine, Generale di Corpo d’Armata Claudio Berto visita il personale dell’8° Reggimento Alpini impiegato in zona Colosseo

©RIPRODUZIONE RISERVATA

L’articolo Esercito: a Roma gli Alpini della Brigata “Julia” impegnati nell’Operazione “Strade Sicure” hanno finora arrestato 27 persone per diversi reati proviene da Report Difesa.

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Veretout Roma Villa Stuart 2

Roma, perfezionato l’ingaggio di Veretout. Il centrocampista: “Voglio indossare il più a lungo possibile la maglia giallorossa”

Diawara conferenza stampa presentazione a Trigoria

Diawara: “Voglio dare tutto per aiutare la Roma ad arrivare dove merita”