in

Il giorno di Nzonzi: atterrato a Roma, visite mediche e firma sul contratto

Ufficializzato il nuovo acquisto del club capitolino

Nzonzi

Nella giornata di oggi Monchi, in seguito una trattativa discretamente lunga che ha a lungo tenuto banco, è riuscito a portare a termine il 12° acquisto giallorosso dopo Coric, Marcano, Cristante, Kluivert, Mirante, Santon, Zaniolo, Pastore, Fuzato, Bianda e Olsen. Il Direttore Sportivo ex Siviglia è riuscito a prendere, proprio dal club spagnolo, il centrocampista classe ’88 che lui stesso aveva portato tra le fila andaluse dopo essere rimasto colpito dalle prestazioni del giocatore ai tempi dello Stoke City.

Steven Nzonzi è atterrato alle 14:05 odierne a Ciampino, accolto dall’entusiasmo di numerosi tifosi del club capitolino, giunti all’aeroporto proprio per salutare l’ultimo acquisto in casa Roma. Successivamente il centrocampista francese si è recato a Villa Stuart al fine di svolgere le consuete visite mediche. Terminati i test medici di rito, qualche minuto prima delle 18:30, Nzonzi ha la lasciato la clinica capitolina per recarsi a Trigoria e apporre la firma al contratto che lo legherà ai giallorossi fino al 2022.

Di seguito il comunicato, pubblicato sul portale ufficiale della Roma, relativo al perfezionamento dell’ingaggio di Steven ZonziL’AS Roma è lieta di annunciare l’ingaggio del nazionale francese e neo campione del mondo Steven Nzonzi.

Il Club rende noto di aver acquistato a titolo definitivo i diritti alle prestazioni sportive del calciatore classe 1988 dal Siviglia, a fronte di un corrispettivo fisso di 26,65 milioni di euro e, variabile, fino ad un massimo di 4 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte del club e del calciatore di determinati obiettivi sportivi.

Con il giocatore è stato sottoscritto un contratto di 4 anni, fino al 30 giugno 2022.

Steven Nzonzi vestirà la maglia numero 42.

«Sono molto felice e soddisfatto di essere qui e di essere un giocatore della Roma», ha dichiarato il giocatore nella sua prima intervista in giallorosso. «Voglio sempre migliorarmi, non conta l’età ma dare sempre il meglio di sé. Spero quindi di fornire il mio contributo al club su tutti i piani, anche su quello dell’esperienza».

Il 29enne centrocampista di origini congolesi ha conquistato lo scorso luglio in Russia il titolo di Campione del Mondo con la Francia, disputando 5 gare nella fase conclusiva del torneo, compresi 55’ della finalissima contro la Croazia. 

Il centrocampista arriva dal Siviglia, dove ha giocato per 3 stagioni, collezionando 136 presenze e 8 reti: con il club andaluso ha anche conquistato nel 2015-16 l’Europa League, battendo il Liverpool nella finale di Basilea.

Arrivando alla Roma Nzonzi ritrova Monchi, il DS che lo aveva portato a Siviglia nell’estate 2015 prelevandolo dallo Stoke City.

«Steven è un giocatore che unisce forza fisica e qualità tecniche, caratteristiche che si sposano molto bene con quelle dei giocatori che abbiamo già qui», ha  dichiarato il DS giallorosso Monchi. «Abbiamo un centrocampo molto competitivo».

Dopo aver iniziato la sua carriera in Francia nell’Amiens, nel 2009 si è trasferito in Inghilterra al Blackburn, dove ha difeso la maglia dei Rovers per 3 stagioni, prima di passare per altri tre anni allo Stoke City, sempre in Premier League.

In carriera Nzonzi vanta al momento 9 presenze totali con la nazionale maggiore francese”.

 

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, ora collaboratrice nella redazione di 1927 On Air - la storia continua , in onda su Centro Suono Sport. SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

I militari dell’Esercito per ferragosto saranno impegnati in attività operative in Italia e all’estero

Gli artificieri del Centro Rifornimenti e Mantenimento hanno fatto brillare ordigni risalenti alla seconda guerra mondiale