in

Kosovo, albanesi e serbi insieme al corso BLSD

Peć/Peja. Presso la sala Consiliare del comune di Istok in Kosovo, è stato svolto un corso di BLSD (Basic Life Support and Defibrillation) incentrato sulle manovre e le tecniche di primo soccorso da praticare su soggetti colpiti da arresto cardiaco mediante l’impiego di defibrillatore automatico, a favore di 36 insegnanti provenienti da 11 scuole di ogni ordine e grado della municipalità.

Il corso si inquadra nelle attività di Cooperazione Civile e Militare (CIMIC) condotte dal Multinational Battle Group – West (MNBG-W), attualmente a guida 8° Reggimento artiglieria terrestre “Pasubio” di Persano (SA), per promuovere e consolidare la collaborazione tra le forze KFOR e le istituzioni locali al fine di supportarle o di renderle autonome nello svolgimento delle proprie finalità.

Nel caso specifico il progetto è stato realizzato a “costo zero” avvalendosi delle capacità “dual use”
delle Forze Armate attraverso l’impiego, quali istruttori, di personale sanitario qualificato del
contingente italiano inquadrato nel MNBG-W della Missione in Kosovo in collaborazione con la
Croce Rossa della municipalità di Istok.

Si impara anche con i manichini

Al progetto in questione hanno aderito insegnanti di etnia albanese della municipalità di Istok ma
anche alcuni insegnanti delle scuole del villaggio di etnia serba di Osojane. Tale non meno importante obiettivo è stato raggiunto attraverso diversi meeting condotti dai militari che operano nel campo CIMIC con i rappresentanti delle istituzioni kosovare – albanesi e con quelli della minoranza etnica serba della municipalità in questione. Nel pieno rispetto del mandato della Risoluzione n° 1244 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU i militari della Missione in Kosovo KFOR operano in maniera imparziale a favore di tutta la popolazione del paese balcanico promuovendo il dialogo e l’integrazione tra le diverse etnie presenti.

Il corso è stato articolato, secondo un protocollo standard, in una prima fase teorica con lezioni frontali seguita da una fase pratica attraverso esercitazioni di applicazione delle tecniche acquisite nonché di impiego del defibrillatore su manichini didattici adulto/infantili, etc…
Al termine del corso sono stati consegnati degli attestati di partecipazione agli insegnanti intervenuti.
​Il progetto realizzato rientra in una più ampia campagna di sensibilizzazione sul tema della diffusione e dell’utilizzo dei defibrillatori, condotta dalle istituzioni kosovare, volta all’incremento del numero di dispositivi salvavita nei luoghi pubblici e del numero di persone in grado di utilizzarli. I militari italiani della Missione in Kosovo hanno colto favorevolmente l’appello a sostenere la campagna fornendo la disponibilità a impiantare ulteriori corsi di formazione come quello svolto.

Tra i diversi compiti assolti dalle Forze Armate nelle Missioni Internazionali vi è anche quello di
promuovere il “Capacity Building”, ovvero il processo di implementazione o di rafforzamento delle
potenzialità in campo militare, istituzionale, economico, manageriale, attraverso apporti esterni o
attraverso l’utilizzo di capacità già esistenti. In tale quadro l’impiego combinato di tecnologie
all’avanguardia e di determinate “professionalità” militari spesso consente di realizzare, secondo il
principio del “dual use”, attività e progetti non solo in campo militare, come l’addestramento di Forze Armate e di Polizia, ma anche in campo civile.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

L’articolo Kosovo, albanesi e serbi insieme al corso BLSD proviene da Report Difesa.

Report Difesa

Written by Report Difesa

Quotidiano di geopolitica e di sicurezza nazionale ed internazionale.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

‘Ndrangheta, arrestato dai Carabinieri il latitante Francesco Strangio

Polizia Locale di Roma Capitale: scoperto deposito illegale di smistamento rifiuti per la rivendita. Sette denunce e 150 chili di materiale sequestrato