in

De Rossi: “Quando invecchi ti alleni cercando di godertela fino alla fine. Ronaldo alla Juve? Un beneficio per il calcio italiano ma non è scritto che vincano tutto”

Le dichiarazioni del capitano della Roma nel corso del ritiro giallorosso

De Rossi ritirto Trigoria AS Roma

Il Capitano della Roma, Daniele De Rossi, nel corso dell’ottavo giorno della preparazione estiva che si sta svolgendo a Trigoria, è intervenuto ai microfoni dell’emittente ufficiale del club capitolino. Questo uno stralcio delle sue parole: “Il ritiro in sé, le corse, stare lontano dalla famiglia non sono cose che fanno mai piacere a nessuno però più invecchi e più cerchi di godertela e ti rendi conto che sei vicino alla fine e comunque stai facendo il lavoro che ami quindi ti godi ogni singolo minuto. Cerchi di farlo in maniera più intensa e di entrarci proprio dentro e forse lo fai anche meglio: fai tutto quello che devi fare mentre magari da giovane perdi quelle due ore alla play station, stai sui social, e va bene anche quello, invece quando lo fai da vecchietto stai attento a tutto e serve”.

Ronaldo? Un beneficio per il calcio italiano e soprattutto per la Juve che lo ha preso: è evidente che continuano a puntare a qualcosa di più alto. Vincere 7 scudetti significa che stai facendo le cose fatte bene. Le partite però vanno giocate e lui si dovrà ambientare, la squadra dovrà iniziare a giocare per lui, magari cambiando qualcosa. Non tutto è scritto e penso che questo lo sappia sia Allegri che la società. A bocce ferme rimane un partire con due/tre passi avanti rispetto alle altre squadre perché onestamente era già una squadra che aveva il vantaggio di esserlo più forte, e lo aveva dimostrato, comprando un giocatore del genere ribadisce il fatto di voler puntare a qualcosa di più come la Champions. Magari potrebbero dare il campionato per scontato o magari no, non è scritto che vinceranno entrambe le competizioni o una delle due”.

Il lavoro con il mister? Con Di Francesco c’è tanta ricerca della profondità, tanta ricerca della verticalità, all’inizio ti senti un po’ spaesato perché dici «Che facciamo non la teniamo noi mai? Siamo sempre in affanno?». Pensi che ci sia più rischio di perdere palla e puoi pensare che devi correre a riprenderla ogni trenta secondi, per poi tenerla per due, però non è proprio così: lo capisci e poi sta alla qualità del giocatore capire quando c’è il momento di forzare la giocata e invece quando c’è quello per respirare. Anche perché il mister è uno che a sua volta capisce che il giocatore deve ogni tanto riposare e che è buono anche far correre gli altri. Noi lo abbiamo fatto soprattutto nella seconda parte della stagione e secondo me lo abbiamo fatto bene”.

Di seguito le dichiarazioni integrali di Daniele De Rossi a RomaTV:

LIVE dal ritiro dell'#ASRoma con Daniele De Rossi

LIVE : Daniele De Rossi

Pubblicato da AS Roma su Lunedì 16 luglio 2018

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, ora collaboratrice nella redazione di 1927 On Air - la storia continua , in onda su Centro Suono Sport. SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

ripresa Allenamento Roma

Ripresa a Trigoria per i giallorossi con una doppia seduta: lavoro atletico al mattino e tecnico tattico nel pomeriggio

Gonalons ritiro allenamento roma trigoria

Gonalons: “Di Francesco e la società non mi hanno mai fatto mancare la fiducia, sta a me ricambiare. Pastore? Classe e personalità”