in

Di Francesco: “Contro il Torino Schick sarà titolare. De Rossi e Pellegrini hanno recuperato. La Juve deve essere d’ispirazione: sono duri a morire”

Di Francesco, conferenza pre Torino

Alla vigilia di Roma-Torino, anticipo della 28a giornata della Serie A previsto per domani alle 20:45 allo Stadio Olimpico capitolino, Eusebio Di Francesco ha preso parte alla consueta conferenza stampa pre-gara esordendo con un pensiero dedicato ad Astori, ex giocatore giallorosso e Capitano della Fiorentina: “Voglio ricordare Davide Astori, ho visto la celebrazione ed è stata emozionante. Lo ricordo come un avversario bello, pulito ed esemplare, abbraccio la sua famiglia”.

Queste le sue parole relative al sfida in programma contro il club granata: Schick domani dal primo minuto? Sicuramente sarà titolare anche perché Defrel ha ancora qualche fastidio dal quale recuperare e infatti non lo convocherò, spero possa recuperare per lo Shakhtar. Come cambia il Torino di Mazzarri rispetto a quello di Mihajlovic? Non cambia molto dal punto di vista del gioco, ha proposto il 4-3-3 ma devo dire che Mazzarri è sicuramente più attento alla fase difensiva, prima con Mihajlovic era più aggressivo. Conosco bene Walter, siamo amici e devo dire che non ho bellissimi ricordi contro di lui, spero di poterli sfatare”.

L’impresa della Juventus come una motivazione per la Roma in Europa? Prima di tutto voglio ricordare che domani abbiamo una partita importantissima, sento troppo parlare di Shakhtar, rispondo a questa domanda per la mentalità della Juventus. In merito alla Juve posso difatti dire che sono duri a morire e che hanno molta resilienza. Spero che questa mentalità possa trasmettersi a tutto il calcio italiano e spero che la mia squadra possa fare altrettanto”.

Come mai il rendimento è differente in casa ultimamente rispetto alle trasferte? Dobbiamo cambiare rotta in casa, a livello mentale è una preoccupazione. Sono numeri importanti, tra virgolette a nostro sfavore, dobbiamo sfatare il tabù Olimpico: non tutte le partite sono uguali, quello che conta in questo momento  è tornare alla vittoria anche lì. Quello che conta è nella nostra testa. Serve la cattiveria e la compattezza che abbiamo avuto a Napoli. Come sta De Rossi? Moralmente era quasi distrutto, era molto legato a Davide, dal punto di vista fisico da ieri è completamente recuperato ed è a disposizione. Ribadisco che non sto di certo pensando allo Shakhtar in questo momento”.

Se mi sono mai pentito dei troppi cambi nel match di Coppa Italia contro il Torino? Sicuramente ho cambiato un po’ troppo in quella gara lì, anche se abbiamo preso gol su palle inattive, effettivamente però cambiare troppo non ha agevolato i miei calciatori, quella è stata colpa mia e sì me ne sono pentito. Per domani sto facendo le mie ultime valutazioni e attendo l’ultimo allenamento che per me è sempre importante. Se dopo la gara con il Napoli è scattato qualcosa per la continuità? No, non è scattato niente e quindi non mi accontento. Quindi mi aspetto domani una risposta sul campo, figuriamoci se penso già a una squadra guarita. Voglio rivedere quell’atteggiamento perché sicuramente ci potremo togliere tante soddisfazioni se riusciremo a mantenerlo come in quei 90, o 85 minuti contro il Napoli.

Come sta El Shaarawy? Ha avuto un periodo un po’ particolare, non proprio buio ma di quelli che hanno spesso i calciatori. Ora si sta allenando bene e con continuità, domani potrebbe essere titolare, se la sta giocando con Diego come ho già detto più volte. Come sta Pellegrini? Come De Rossi anche lui ha recuperato e sarà a disposizione. Come mai la Roma per gran parte della stagione ha avuto la migliore difesa per poi calare? Abbiamo concesso un po’ troppo agli avversari, nell’ultima sfida la forza è stata quella di ribattere colpo su colpo, posso concedere qualcosa di meno agli avversari ma voglio in più in fase offensiva. Analizzando la gara di Napoli ci sono stati degli errori ma c’è stata anche tanta qualità degli avversari.

Quante volte è stato visto il calcio di Di Francesco? Io credo in una tipologia di calcio, aggressivo, non sempre ti puoi permettere di esprimere quello che è il tuo calcio. Ripeto che la mia squadra lo ha fatto con poca continuità. Non sempre è facile spiegare la propria idea di calcio, secondo me, in base al mio pensiero, dobbiamo lavorare ancora tanto, non siamo arrivati ancora a quello che io vorrei. Silva? Sicuramente non è pronto per giocare dall’inizio. Viene da un infortunio un po’ lungo che non gli ha permesso di allenarsi con continuità. Magari poterlo schierare a partita acquisita, significherebbe avere il risultato messo in salvo”.

Se Strootman o Nainggolan potrebbero riposare? Non lo so, sto pensando al Torino, sinceramente, farò le mie valutazioni in base a quello che riterrò opportuno. Tra venerdì e martedì ci sono 4 giorni, un conto è giocare il sabato che ci sono meno giorni di recupero. Qui ho tempo per recuperare i giocatori tra una partita e l’altra. Se Schick è finalmente al 100%? A livello fisico sì, a livello mentale è cresciuto tanto, gli manca ancora qualcosina in partita ma si mette a disposizione dei suoi compagni ed è davvero un calciatore di grande disponibilità. A volte fa perfino più corse di quelle che gli richiedo. Non ci dimentichiamo che viene dalla Sampdoria, dove nemmeno lì ha fatto tutte le partite, qui si sta adattando e vi assicuro però che ha delle grandi qualità.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, ora collaboratrice nella redazione di 1927 On Air - la storia continua , in onda su Centro Suono Sport. SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Roma, De Rossi-centrocampo allenamenti

Roma, penultimo allenamento in vista del match contro il Torino. Domani rifinitura e conferenza

Roma-Torino, probabili formazioni

Roma-Torino, le probabili formazioni