in

…"la grande bellezza"

la grande bellezza

Ho visto il film due volte, una al cinema in tempi non sospetti da Oscar e, una alla Tv l’altra sera. La visione al Cinema è stata molto più bella della visione alla Tv.

Le cose che mi sono piaciute follemente sono state: la fotografia, le luci e i tempi….. dentro c’era Fellini con una punta di De Sica, una ricetta assolutamente perfetta. Le immagini sono nitide nella loro pienezza e nelle loro rapprentazioni teatrali, i tempi brevissimi si dilatano all’infinito,  diventando eterni … nell’attesa della decadenza; all’inizio una giovane suora passeggia nel giardino del suo convento, alla fine una suora si arrampica su una scala marmorea con la vita scolpita in volto e le radici scolpite nella sua anima.

Ci sono state regalate delle immagini oniriche e reali della nostra anima, non una storia fantastica o irreale con un finale struggente…. ci è stata donata la dura realtà: cosa eravamo e cosa non siamo diventati. La nostra decadenza …. la decadenza DELL’IMPERO ROMANO…infatti se al posto degli attori che abbiamo visto ci fossero stati Giulio Cesare e Cleopatra che differenza ci sarebbe stata nel finale? NESSUNA.

Elena Canaparo

What do you think?

Written by Elena Canaparo

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

One Comment

Loading…

8 marzo: uguali diritti, uguali opportunità

"Costellazioni": un viaggio anti-crisi tra l'Emilia e la Via Lattea