in ,

Riscoperte e rinascita

In questi giorni scanditi da staffette e mondiali, anche Firenze passa il testimone, rivolgendosi ad una delle maggiori capitali dell’arte. Dal 26 settembre spetterà, infatti, a Parigi accogliere tra le sale del Louvre – suo museo più prestigioso – la mostra fiorentina incentrata sulla Primavera del Rinascimento, fino al 18 agosto accolta nella splendida cornice di Palazzo Strozzi.

Aldilà delle forti e complesse implicazioni che il Rinascimento italiano ebbe e portò con sé, anche nel campo delle arti esso è connotato dal recupero del passato, dalla riscoperta di tecniche e canoni estetici degli antichi che col tempo erano andati perduti. Tali operazioni – che saranno poi alla base di un profondo rinnovamento della cultura artistica nel corso del XV secolo – non nacquero dal nulla, tant’è che i primi “germi” si possono trovare già in alcune opere scultoree del secolo precedente, a dimostrazione del fatto che furono gli scultori i primi a proporre una sensibilità nuova.

I passi iniziali di un discorso foriero di novità rivoluzionarie costituiscono anche il punto di partenza della mostra stessa: la suddivisione in sezioni conduce a scoprire quali furono i principali elementi che vennero desunti dall’immenso serbatoio dell’arte antica e poi riproposti dalle nuove generazioni di artisti che vi attinsero a piene mani, oltre a focalizzare l’attenzione su di essi.

Nel percorso espositivo che attraversa il XV secolo fino al 1460, assistiamo dunque ad una progressiva trasformazione del linguaggio artistico, che a poco a poco si spoglia degli stilemi dell’arte gotica: dalle formelle con il Sacrificio di Isacco realizzate in occasione del concorso del 1401 da Lorenzo Ghiberti e Filippo Brunelleschi e destinate alla porta nord del Battistero di Firenze, alla sintesi di fede cristiana, ideali umanistici, realismo e verità psicologica della scultura di Donatello; dalla ripresa del monumento equestre a partire dal Marco Aurelio a cavallo, all’invenzione della prospettiva, esemplificata soprattutto dai lavori di Masaccio, Paolo Uccello e Andrea del Castagno; dal rinnovamento del ritratto operato da Mino da Fiesole, Desiderio da Settignano e Antonio Rossellino, al bisogno di rappresentare una nuova dimensione affettiva che si esprime nei gesti delle figure proposte.

Ma l’appagamento dell’occhio non è l’unico obiettivo dell’esposizione. L’ingresso ad ogni sala presenta un’opera desunta direttamente dall’arte antica atta ad evidenziare la stretta relazione che intercorre tra l’età classica e gli esemplari moderni e facilitarne così la comprensione. A ciò si aggiunge la possibilità di toccare una copia dei materiali utilizzati dai maestri rinascimentali: legno, bronzo, marmo, terracotta e terracotta invetriata si prestano a sensazioni tattili normalmente trascurate e offrono una percezione multisensoriale.

L. Ghiberti, Il Sacrificio di Isacco, 1401
L. Ghiberti, Il Sacrificio di Isacco, 1401

image.
F. Brunelleschi, Il Sacrificio di Isacco, 1401

La primavera del Rinascimento. La scultura e le arti a Firenze 1400-1460

Firenze, Palazzo Strozzi 23 marzo-18 agosto 2013

Parigi, Musée du Louvre 26 settembre 2013-6 gennaio 2014

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Messi e Maradona: due fenomeni a confronto

Quando il reality entra nel mondo del pallone…