in

San Giorgio martire

Il 23 Aprile si ricorda San Giorgio, martire del III o IV secolo. Originario della Cappadocia, diventa un ufficiale dell’esercito romano. Convertito dalla madre al cristianesimo, rinuncia al suo rango e, imprigionato a causa della fede, affronta con fermezza il martirio. Il culto è attestato da un’antichissima chiesa eretta in suo onore a Lidda-Diospolis in Palestina. Alla sua figura è legata la famosa leggenda del drago, che nell’immaginario popolare voleva significare il trionfo del cristianesimo sulla violenza disumana del male. Nel Medioevo san Giorgio diviene il protettore dei cavalieri e i re d’Inghilterra, a cominciare da Riccardo Cuor di Leone, lo eleggono a patrono della casa reale e della loro terra.

Papa Pio XII con bolla papale del 1937 elesse San Giorgio martire come protettore della Cavalleria Militare e Civile dello Stato Italiano (Sanctus Georgius Equitum Patronus) quale riferimento e fonte d’ispirazione agli ideali dell’altruismo e della solidarietà.

Vincenzo Priolo

Written by Vincenzo Priolo

Vincenzo Priolo è nato ad Agrigento il 5 dicembre del 1981. È laureato in scienze politiche e delle relazioni internazionali e ha frequentato nella sua carriera svariati corsi di specializzazione in materia di Sicurezza e Difesa. Ha maturato esperienze notevoli e di responsabilità in settori pubblici e di rappresentanza. Coordina il magazine Yepper fondato sulla base del giornalismo partecipativo. Ama viaggiare, cucinare ed intrecciare nuovi rapporti di collaborazione e amicizia con persone di altre culture e religioni.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

DERBY DI PUGLIA: UN PARI CHE NON SERVE A NESSUNO

Droga, donne gestiscono “piazze” di spaccio. I Carabinieri di Torre del Greco ne smantellano 11 nella provincia napoletana