in

Minaccia jihadista e strumenti legislativi di contrasto. Quale direzione prendere?

E’ appena iniziata la XVII legislatura. Proprio oggi si sono infatti  insediati i neoeletti delle elezioni del 4 marzo.

Ma alla luce di quanto accaduto in Francia si parlerà anche di islamismo estremo. I nostri cugini francesi hanno dovuto affrontare l’ennesima emergenza legata al terrorismo internazionale. Un problema che tocca tutta l’Europa, Italia inclusa.

Sono quindi molte le domande che sorgono come ad esempio: in che modo, ma soprattutto con quali strumenti potranno affrontare la delicata questione terrorismo i nuovi deputati e senatori della Repubblica italiana?

Una misura molto chiara è la Proposta di Legge Dambruoso-Manciulli (C.3558-A)Misure per prevenire radicalizzazione jihadista sul web – già passata alla Camera. Il testo ha dato particolare rilevanza alla dimensione virtuale. In particolare, sono previsti:

  • lo stanziamento di fondi per il potenziamento delle infrastrutture di rete e l’istituzione di specifici programmi di contrasto dell’odio on line;
  • l’istituzione di un Comitato parlamentare ad hoc che sarà chiamato ad analizzare il rapporto semestrale redatto della Polizia Postale e delle Comunicazioni relativo alle attività di propaganda e diffusione sul web di idee estreme tendenti il terrorismo di matrice jihadista;
  • la promozione della realizzazione di un portale informativo sui temi della radicalizzazione e dell’estremismo e dello sviluppo di campagne informative, attraverso piattaforme multimediali che utilizzino anche lingue straniere in partnership con soggetti pubblici e privati;
  • l’adozione di un piano per garantire ai detenuti, oltre che la loro rieducazione, anche la deradicalizzazione, in coerenza con la strategia elaborata dal CRAD.

Vista la complessità e le mutazioni del fenomeno jihadista, uno dei primi atti del nuovo Senato italiano dovrebbe essere proprio questo. Speriamo sia presto vagliato dai nuovi senatori.

Se non ci si oppone, se non ci si difende, se non si combatte, il terrorismo islamico distruggerà quel mondo che bene o male abbiamo creato.

Vincenzo Priolo

 

 

 

 

Vincenzo Priolo

Written by Vincenzo Priolo

Vincenzo Priolo è nato ad Agrigento il 5 dicembre del 1981. È laureato in scienze politiche e delle relazioni internazionali e ha frequentato nella sua carriera svariati corsi di specializzazione in materia di Sicurezza e Difesa. Ha maturato esperienze notevoli e di responsabilità in settori pubblici e di rappresentanza. Coordina il magazine Yepper fondato sulla base del giornalismo partecipativo. Ama viaggiare, cucinare ed intrecciare nuovi rapporti di collaborazione e amicizia con persone di altre culture e religioni.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Attacco islamista in Francia

Di Francesco, Trigoria allenamenti

Roma, doppia seduta: atletica al mattino e tecnico-tattica nel pomeriggio. Defrel in gruppo per il lavoro fisico