in

“Falla girare”, dal 25 novembre su Prime Video il nuovo film di Giampaolo Morelli con Ciro Priello e Fabio Balsamo

Completano il cast Laura Adriani, Giovanni Esposito, Michele Placido, Leopoldo Mastelloni, Jun Ichikawa, Taiyo Yamanouchi e Shi Yang Shi

Sarà disponibile in esclusiva su Prime Video dal 25 novembre il secondo film che vede Giampaolo Morelli ricoprire le vesti di regista e protagonista: “Falla girare (The Last Joint)”. Al suo fianco Ciro Priello e Fabio Balsamo dei The Jackal, Laura Adriani e Giovanni Esposito. La pellicola vanta inoltre la partecipazione straordinaria di Michele Placido. Completano infine il cast Leopoldo Mastelloni, Jun Ichikawa, Taiyo Yamanouchi e Shi Yang Shi.

Falla Girare è una produzione ITALIAN INTERNATIONAL FILM e VISION DISTRIBUTION in collaborazione con PRIME VIDEO. Il secondo film di Morelli è un film brillante e leggero, piacevole e profondo, in particolar modo per quel che concerne i rapporti umani/interpersonali e l’intensa difesa della Libertà, per quanto attuata in modo bizzarro; non mancano invero profondità e spunti di riflessione interessanti nonché stimolanti in merito a una tematica che va ad accarezzarne pian piano altre fino ad abbracciarne diverse -significative- riguardanti la nostra società, il mondo dei social, la figura dell’influencer e la diversità, manifestata attraverso le sue molteplici forme di espressione e sfaccettature.

Il tutto è condito dalla giusta dose di ironia anche rapportata agli stereotipi locali e a quelli ormai radicati insieme al concetto (spesso distorto) di inclusione. Ad arricchire la pellicola ci sono poi degli scorci sempre graditi e meravigliosi su due città speciali, coinvolgenti, caotiche e molto simili tra loro (per alcuni aspetti) come Napoli e Roma. Falla Girare è un’action-comedy che vuole far ridere e ci riesce senza volgarità, regalando allo spettatore 103 minuti di spensieratezza totale.

Il personaggio interpretato da Giampaolo Morelli ovvero Nando Tancredi, in arte Natan, un’anacronistica “star dei social” che vuole rilanciare la sua fama combattendo “l’ormai superata bocca a culo di gallina” (le foto con le labbra protratte come per dare un bacio) con la sua bocca “a culo di gallo” e, soprattutto, sfoggiando un mix di espressioni e look alla Derek Zoolander più una chioma caratterizzata da un gran ciuffo e da meches bionde.

Insieme a lui rendono più esilaranti tutte le avventure/disavventure legate alla ricerca delle ultime due piantine di marijuana esistenti al mondo Ciro Priello e Fabio Balsamo, rispettivamente un giornalista con una forte etica e un sostenitore/spacciatore di fiducia di Natan. Menzione speciale per lo straordinario, buffo e dal cuore grande personaggio interpretato da Giovanni Esposito, un fratellastro davvero particolare. La figura femminile di riferimento del film e del gruppo è invece una giovane poliziotta determinata e momentaneamente sospesa -Laura Adriani– mentre Michele Placido è un altro bislacco elemento nonché padre del fratellastro di Natan.

L’eventuale correlazione tra felicità drasticamente calata ed estinzione della marijuana (vista nello scenario immaginario e distopico della pellicola) è un aspetto del film, ma non il fulcro. Come asserito dal regista Morelli in occasione della presentazione di Falla girare, tenutasi a Roma presso la Casa del Cinema il 22 novembre, ad essere davvero importante è l’opposizione alla violazione della libertà degli individui.

Quando viene oppresso/lesa il diritto di libertà, di scelta di un individuo è chiaro che secondo me nel mondo c’è più infelicità, inevitabilmente. Io poi ho uno spirito molto anarchico e anarchia non vuol dire disordine, vuol dire autodisciplina.
Quindi secondo me ogni attentato alla libertà andrebbe sempre ostacolato.

Giampaolo Morelli

Ricercate nei dettagli anche la fotografia e la musica scelte per dare immediatamente (e come nuovamente confermato dallo stesso regista) un certo tipo di atmosfera al film, in grado di rimandare tra -appunto- colori e colonna sonora a un mood anni 80/90, perfettamente calzante con lo stile del film. In sostanza tra virus, complotti (immaginari o meno), cambiamenti drastici e immersione quotidiana in un altro mondo (quello dei social), un po’ di sana nostalgia e realismo regalano a Falla Girare un tocco quasi vintage (anche a livello sentimenti, rapporti e situazioni da tenere davvero a cuore) pur non alterandone assolutamente l’aspetto attuale che caratterizza il film, perfino a fronte dello scenario immaginato e nel quale si sviluppa lo spassoso susseguirsi di eventi.

Trama Falla Girare

In un futuro non troppo lontano, un grave attentato alla libertà è stato messo in atto: un virus ha attaccato le piantagioni di canapa di tutto il mondo. La cannabis non esiste più. E con essa anche la libertà e la felicità sembrano essersi estinte. Ma un giorno accade l’impensabile: Natan (Morelli), un vanesio influencer, trova per caso un esemplare maschio e, deciso a diventare ricco, mette su una scalcagnata banda per raggiungere l’ultima piantina femmina sopravvissuta, e produrre semi e venderli a un narcotrafficante. Un’action-comedy condita da situazioni esilaranti e rocambolesche, guidata da due personaggi agli antipodi, un influencer e un intellettuale, che ben rappresentano la complessità del mondo moderno.

What do you think?

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, poi collaboratrice e speaker @ 1927 On Air - la storia continua, in onda su Centro Suono Sport. Opinionista periodica sportiva a Gold TV. Ora co-conduttrice di Frequenze Giallorosse (ReteneTVision). SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

Carabinieri: il Nucleo TPC recupera bene culturale del 1633

Serbia e Kosovo: l’Italia tenta di recuperare un ruolo di primo piano nei Balcani