in ,

ESCLUSIVA- Nicola Binda (La Gazzetta dello Sport): "Dezi ideale per il Bari. Zamfir ok, ma…"

A ventiquattro ore dalla sfida di La Spezia, in casa Bari tiene banco la questione mercato. Da una parte, il presunto rifiuto di Guilherme (problemi d’ingaggio, n.d.r.); dall’altra, la necessità di infoltire la rosa, rimarcata a più riprese dal neo tecnico Camplone durante la consueta conferenza pre-gara. Mammarella? Dezi? Le prossime ore diranno molto su come si muoveranno Paparesta e Zamfir.
Noi, di Pagine Biancorosse-Bari, in esclusiva, abbiamo contattato Nicola Binda, giornalista della Gazzetta dello Sport, nonché esperto del campionato cadetto, per raccogliere il suo parere in merito al prosieguo della stagione biancorossa e per chiedere quali innesti possano permettere al Bari il tanto auspicato salto di qualità.
Buonasera Nicola. Come giudica la stagione del Bari fino ad ora? “Positiva, se non ci fossero stati… Cagliari e Crotone. Non è una risposta stupida: Cagliari e Crotone stanno marciando a un ritmo altissimo e hanno spiazzato tutti, Bari compreso, che ha un passo normale. Certo, visto l’organico, Nicola avrebbe potuto fare di più. Ora la palla passa a Camplone e vediamo…
Se fosse in Zamfir, quali innesti apporterebbe alla rosa nel mercato di gennaio? “L’incidente di Del Grosso impone l’arrivo di un terzino sinistro. Però credo che anche un centrocampista di peso sia necessario: Dezi sarebbe l’ideale“.
Crede che il Bari possa ambire al salto di categoria, senza passare dai playoff? Assolutamente sì, ma servirà un’impresa per andare a prendere il Crotone: l’altro posto invece credo che non sfuggirà al Cagliari”.
Quale giocatore del Bari l ha impressionata maggiormente? “Rosina ha giocate che in B non si vedono spesso. Valiani riesce ad abbinare qualità e quantità come pochi. E poi Sansone: mi ha sorpreso il fatto che Nicola non lo facesse giocare con regolarità”.
Cosa pensa della biennale gestione Paparesta?  “Vedo che il presidente ci mette tanto impegno per rilanciare il Bari. Impegno e non solo. Non è facile vincere la B e lui sta facendo il possibile. La figura di Zamfir al suo fianco è assolutamente positiva, però credo che per affrontare un campionato del genere sarebbe servito anche un manager più esperto per gestire i momenti più delicati.
 
RIPRODUZIONE DELL’INTERVISTA (ANCHE PARZIALE) CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: www.yepper.it

Segui Yepper!

Clicca MI PIACE sulla nostra fanpage Facebook per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici!

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

I'll Be There For You: il cast di Friends torna insieme per la NBC!

Villa Pirandello: l'antica residenza di Luigi Pirandello