in

Risoluzione libica…

L’ISIS ha attaccato un giacimento petrolifero a Sidra, in Libia. C’è stato un attentato suicida nei pressi del terminal petrolifero di Ras Lanouf, nel nord del paese. In seguito sono cominciati degli scontri a fuoco, nei quali sono morti due soldati. Per ora l’esercito libico è riuscito a respingere l’offensiva dei jihadisti.
Come è stato già fatto in Siria ed Iraq quindi, Daesh adesso punta a controllare i pozzi petroliferi nell’ottica di conquistare un obiettivo strategico e velocemente monetizzabile grazie al mercato nero. Per questo motivo da mesi la comunità internazionale cerca disperatamente di ottenere la legittimità per operare militarmente in Libia.
Già da qualche ora si è appresa la notizia di un’operazione militare formata da circa 6.000 uomini americani ed europei e a guida italiana. L’operazione sarà sostenuta principalmente da Gran Bretagna e Francia, i principali attori già nel 2011: 1000 fanti inglesi, tra cui 200 uomini delle SAS, Marine e Navy Seals americani, Legione Straniera francese, queste le forze che già in questo mese di gennaio potrebbero mettere gli stivali sul suolo libico, coadiuvate da un cacciatorpediniere della Royal Navy già inviato verso le coste libiche, mentre alla RAF sarebbe già stata data la consegna di organizzare campagne aeree contro obiettivi del Daesh in Libia.
Il comando delle operazioni, potrebbe essere affidato all’Italia, che non avrà compiti operativi sul terreno: la forza internazionale non dovrebbe avere compiti ricognitivi ma unicamente operativi di supporto armato e militare alle milizie che sostengono il governo di coalizione.
Gli islamisti purtroppo oggi conterebbero ancora 5.000 uomini. Sarà senza alcun dubbio facile fermarli sul terreno, ma rimane il problema mediatico pubblicitario da cui traggono benefici e adepti in Europa. Shengen sempre più oggetto di critiche per l’urgente bisogno di sicurezza interna dei paesi membri dell’UE.

Segui Yepper!

Clicca MI PIACE sulla nostra fanpage Facebook per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici!

Vincenzo Priolo

Written by Vincenzo Priolo

Vincenzo Priolo è nato ad Agrigento il 5 dicembre del 1981. È laureato in scienze politiche e delle relazioni internazionali e ha frequentato nella sua carriera svariati corsi di specializzazione in materia di Sicurezza e Difesa. Ha maturato esperienze notevoli e di responsabilità in settori pubblici e di rappresentanza. Coordina il magazine Yepper fondato sulla base del giornalismo partecipativo. Ama viaggiare, cucinare ed intrecciare nuovi rapporti di collaborazione e amicizia con persone di altre culture e religioni.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

LIVE- Bari, Salernitana e Perugia su Bellomo.

LIVE- Corsa a 4 per la fascia sinistra. Minala…