in

Ospiti a “1927 On Air – La storia continua” Somma, Petruzzi, Vespa e Avv. Esposito

Le parole degli ospiti della trasmissione “1927 On Air – La storia continua”

1927 On Air - La Storia continua

Nel corso della trasmissione odierna “1927 On Air – La storia continua”, in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 16:00 alle 20:00 e dalle 16:00 alle 18:00 il sabato, su Centro Suono Sport, sono intervenuti nel Forum l’Avvocato Luigi Esposito, Fabio Petruzzi e Federico Vespa. Ha poi rilasciato ulteriori dichiarazioni anche Mario Somma.

Avvocato Luigi EspositoTotti ha fatto bene a dire che bisogna aspettare la fine della stagione per valutare l’operato di Monchi. Io non ritengo sia un pazzo che ha preso giocatori che Di Francesco non è in grado di gestire, sono arrivati a Roma per volere di entrambi. Solo il tempo ci potrà dire se Monchi è il Direttore Sportivo giusto per questo ambiente. Di sicuro non liscia il pelo alla tifoseria. Vedremo dove ci porterà la sua strategia. Non è vero che Monchi ha smontato la squadra che è arrivata in semifinale di Champions: la Roma ci è arrivata soprattutto grazie a Dzeko, e anche ad Alisson, però non a Nainggolan o Strootman.

Fabio Petruzzi“Bisogna dare tempo ai calciatori nuovi di ambientarsi e trovare la condizione. Monchi non prende e cede autonomamente ma in accordo con la Società: ha le sue responsabilità, come le hanno gli altri. Che la Roma lotti per il 2° posto è vero, Totti non ha voluto prendere in giro i tifosi, è stato realista e sincero. Non credo che Monchi sia l’uomo giusto nel momento giusto ma è pur vero che la Roma la scorsa stagione è arrivata in semifinale di Champions. Crescendo pian piano in Europa potrebbe diventare un club simile all’Atletico Madrid, l’obiettivo è quello”.

Federico VespaTotti ha detto delle cose giuste: ai giovani si deve dare tempo e spazio per farli esprimere. L’operato di Monchi a mio avviso è però indifendibile. Condivido le parole di Totti, sono tutte cose che già sapevamo, ha parlato pubblicamente e con il cuore e ha fatto bene. A Roma c’è tempo per aspettare altri 15 anni e arrivare a vincere l’Europa League? Io non credo. A Siviglia c’è una realtà diversa rispetto a quella capitolina. Monchi è arrivato in un periodo in cui il tasso di pressione è alto e lui non è abituato, a peggiorare tutto sono gli 8 anni trascorsi dall’ultima Coppa Italia vinta, quindi c’è ancor più impazienza”.

Mario Somma“Nei grandi club come la Roma le dinamiche partono per tempo, l’allenatore in genere è coinvolto in minima parte nel mercato nelle scelte a lungo termine, essendo condizionato dai risultati, poi può capitare anche che un tecnico sia più inserito nel progetto. Se giochi col 4-3-3 sono fondamentali gli esterni d’attacco. Pastore è un acquisto che parte da lontano, Di Francesco avrà pensato che sarebbe riuscito ad adattare le qualità dell’argentino al suo gioco, magari però a volte manca la predisposizione mentale del calciatore. Per me Pastore è un elemento duttile che arricchisce una squadra, è un gregario di lusso, ti alza il livello della rosa ma non è Totti che ti fa la differenza. Spero che nessuno della dirigenza giallorossa metta in discussione il lavoro quotidiano di Di Francesco.

What do you think?

Avatar

Written by Veronica Sgaramella

Nata a Roma nel Luglio 1990, laureata in Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione presso La Sapienza. Coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, precedentemente redattrice per Vocegiallorossa, poi collaboratrice e speaker @ 1927 On Air - la storia continua, in onda su Centro Suono Sport. Opinionista periodica sportiva a Gold TV. Ora co-conduttrice di Frequenze Giallorosse (ReteneTVision). SocialMente attiva, amo leggere, viaggiare e immortalare attimi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Loading…

0

Esercito, visita del Ministro Trenta all’11° Reggimento Genio ed il 21° Reggimento Artiglieria di Foggia

Trigoria Roma allenamento

Roma, esercitazioni tattiche e partitelle. Individuale per De Rossi, Florenzi, Perotti e Mirante