in , ,

PAGINEBIANCOROSSE DAY 51: CASSANO? MOLTO PIU' IMPORTANTI I RECUPERI DI SABELLI E ROMIZI…

Mentre la telenovela Cassano è arrivata alla sua milionesima puntata e continua a dividere la piazza, la Bari, distratta da questi rumors, sottovaluta, o peggio ignora, il rientro di due pilastri fondamentali come Marco Romizi e Stefano Sabelli. Assenze che, a conti fatti, sono pesate come macigni per l’economia del nostro gioco. La loro assenza è coincisa con il punto più basso della gestione Davide Nicola ed il loro ritorno è una manna dal cielo e gioverà al collettivo biancorosso senz’ombra di dubbio.
Marco Romizi è il vero faro del nostro centrocampo. I match contro Frosinone e, soprattutto, Livorno hanno evidenziato come la mediana biancorossa non possa prescindere dalla sua presenza. Massimo Donati si è dimostrato non all’altezza negli ultimi incontri ed ha messo a nudo i difetti del nostro centrocampo, lasciandolo in balìa degli avversari, specialmente nell’ultimo incontro contro il Livorno. Con Romizi, invece, guadagniamo in dinamicità e copertura. Ingredienti fondamentali per un Bari che fa della lotta e della corsa il suo credo.
Sia chiaro, Pasquale Schiattarella, impiegato esterno in un centrocampo  a 5, non ha fatto male. Positivo contro il Frosinone, è stato uno dei pochi a salvarsi nella trasferta di Livorno. Ma con Stefano Sabelli in campo è tutt’altra musica. Più spinta, più pericolosità, più tecnica. Non a caso Paparesta e soci hanno deciso di puntare questa estate sul nostro terzino, riscattandolo per 700mila euro dalla Roma. E Stefano, a suon di prestazioni convincenti, ha dimostrato pienamente di meritarsi questa riconferma. Un ritorno che sicuramente gioverà a tutto il collettivo.
Molti, ahimè, sono distratti dal ritorno di Antonio Cassano. Beh, farebbero bene a concentrarsi sul nostro presente. Presente chiamato Marco Romizi e Stefano Sabelli.
 

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Il "Giorno del ricordo"

Lampedusa: nuova strage di migranti. Almeno 330 morti