in

Paginebiancorosse day 52. Caro Antonio ti scrivo…

In città, nelle viuzze di Bari vecchia, in provincia, in tutta la regione, in tutta Italia il tormentone è sempre lo stesso: “Antonio tornerà a casa?”. Anch’io, ormai, ho questo assiduo pensiero, lo confesso. Il solo pensiero di rivederti calcare il nostro palcoscenico, il solo immaginarti lì a casa nostra (…è, e lo è sempre stata) è un qualcosa di irrazionale, inimmaginabile per chi non sa cosa significa “essere di Bari”. Quella stessa città che è per molti versi contradditoria. Un giorno ti ama e ti fa sentire un re, il successivo ti scarica senza pietà e senza un perchè. Basti vedere quanto accaduto con i protagonisti dello scorso anno. Ma tu, caro Antonio, la conosci bene, meglio delle mie tasche. Ed è per questo che condivido il tuo temporeggiare. Snervante sì, ma del tutto comprensibile.
Io, quella magica sera di Bari-Inter, non c’ero. E me ne rammarico. Quel magico aggancio, quel dribbling “secco” su Blanc e Panucci ed infine quel piattone che gonfia la rete, non riesco a dimenticarlo e, te lo confesso, spesso me lo rivedo. Un’azione da incorniciare, un ricordo indelebile. Così come non scordo l’incornata vincente a Roma, il diagonale vincente nel derby contro i nostri acerrimi nemici. Una goduria infinita. Non scordo nemmeno le reti in rapida successione contro Svezia e Bulgaria agli Europei. E la cocente eliminazione. Dall’irrefrenabile gioia, alle lacrime. Quel ragazzino che aveva incantato l’Europa e forse il mondo, noi già lo conoscevamo, perchè era  un nostro figlio, un nostro fratello, il nostro orgoglio, il nostro “tutto”.
Bari ti ha sempre difeso a spada tratta, anche quando eri indifendibile. Anche quando sentivamo parlare di “Cassanate”, invece di “Antonio Cassano”. Anche quando hai definito Genova “casa tua”. Perchè tu sei Antonio Cassano di Bari. E quel legame che ci ha sempre unito, continua e non si spezzerà mai, stanne certo.
Ricordo ancora quando il mio papà, seppur non fosse tifoso della Bari, guardando in tv le tue meravigliose giocate, rimaneva esterrefatto e mi diceva con occhi pieni di orgoglio: “Hai visto cosa ha fatto Cassano? Che giocatore”.  Sappi, caro Antonio, che anche lui sta aspettando te. Così come tutta la tua gente ti aspetta a braccia aperte. Sentirai o avrai già sentito parlare di chi è contrario ad un tuo ritorno e dice di non rivolerti più vedere nella nostra Bari. Beh, sappi che mente spudoratamente. Perchè quella stessa gente tornò a frequentare le tribune del “San Nicola” in quel Bari-Samp solo per rivederti a casa. Perchè quella stessa gente tornerebbe a ripopolare in massa le tribune del “San Nicola” solo per ammirare ogni tuo passo, ogni tua illuminante giocata.
Caro Antonio, concediti quest’ultimo emozionante e travolgente vortice di emozioni. Ti aspettiamo, stesso posto, stessa grande famiglia.

What do you think?

Avatar

Written by Alberto Stasi

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

ULTIM'ORA- Processo Costa Concordia: Francesco Schettino condannato a 16 anni e 1 mese. Non c'è pericolo di fuga, niente carcere.

Summit di Minsk, firmato l'accordo per l'Ucraina